Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Arti e Mestieri
Arti e Mestieri
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Mestieri

 

 
 

Pietra serena

introduzione

Tutta la montagna del comprensorio di Firenzuola si è formata con sollevamenti avvenuti tra i 5 e 10 milioni di anni fa, che hanno portato in superficie il fondo del mare presente in quella zona fino a 20 milioni di anni fa. I depositi alluvionali di quel bacino sono, quindi, all'origine degli affioramenti "marmoso-aranacei" frequentemente visibili sul fianco delle montagne dell'Alto Mugello, cioè strati di pietra arenaria ( sabbia cementata) intercalati a strati di marna detta anche "galestro", che è calcare misto ad argilla. La presenza in grande abbondanza di questa materia prima in modo così evidente e accessibile, è all'origine della tradizione antichissima degli "scalpellini di pietra serena", comunemente detta "pietra di Firenzuola", nella zona montuosa dell'Alto Mugello, comprendente i territori del comune di Firenzuola, Palazzuolo sul Senio e Marradi.

L'affioramento della pietra è continuo lungo tutti i terreni incisi dell'acqua; così la troviamo evidente lungo le valli del Santerno (Coniale), del Senio (Acquadalto ), del Lamone (Fantino); nel bacino del Rio dell'Alpe verso la valle di Rovigo; nel versante di destra del Torrente Sillaro tra Piancaldoli e Giugnola, dove l'eseguità del "cappellaccio" sopra la "lastra" in strati a "franapoggio" rendono l'estrazione particolarmente agevole; nella zona a sud-ovest di Palazzuolo sul Senio, in tutta quella serie di piccole valli incise dagli affluenti del Fosso di Campanara e dal Fosso dell'Aghezzola; a Valcarpine, nella piccola valle del Fosso di Salecchio, a est di Palazzuolo sul Senio; a Ca' del Gallo a nord ovest di Marradi, tra Ca' del Falco e Ca' del Vento.

Questa attività, che ha radici antichissime, non è mai stata abbandonata: attualmente le cave in attività sono circa 50; il 98% del materiale estratto è costituito da arenarie, il restante 2% da "colombino" o "alberese" che proviene da uno strato di circa m 2,50 di arenaria risedimentata; questa, che presenta un maggior grado di durezza e rigidità, è riconoscibile per i colore più scuro, e dalla presenza di fratture tra loro ortogonali che la dividono in blocchi quasi perfettamente squadrati.

Fotografia di Kee-Ho Casati

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy