Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Cucina
Cucina
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

La cucina di Alessi

 

 
 

Crostini di prosciutto al burro di melone

  • 50gr di burro
  • 50gr di polpa di melone (quello da inverno) dolce e maturo
  • 3 cucchiai di marsala secco
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • una punta di cucchiaino di curry
  • un pizzichino di sale
  • un cucchiaino di zucchero
  • 50gr di prosciutto toscano tagliato a fettine finissime
  • fettine di pane toscano raffermo
Mettere in luogo caldo, ma non sul fuoco, il burro, in una ciotolina di vetro, ad allentare. Quando sarà allentato al punto giusto, con una frustina lavorarlo bene, sbattendolo fino a farlo divenire liscio e spumoso. Prendere il frullatore, mettere melone, marsala, limone, curry, sale e zucchero e farne una purea abbastanza densettina. Riprendere la ciotolina del burro e ricominciando a lavorare di frusta, incorporare, un cucchiaio o due per volta, la purea di melone al burro stesso, fino ad avere un amalgama perfetto. Mettere in frigo ad addensare per 2 o 3 ore rigirandolo e sbattendolo ogni 30'. Al tempo, tagliare piccole fettine di pane abbastanza fini, passarle sulla griglia per una superficiale, lieve tostatina, quindi spalmarvi sopra il burro al melone e distendervi una fettina di prosciutto. Ne occorrono, di solito, non meno di 4 per persona.
E' il classico "prosciutto e melone", un dolceforte di antica tradizione, altra variante di "bonum vinum cum popone" presentato in maniera nuova e con piccole sfumature aromatiche diverse. Può servire anche da piatto unico per pranzi veloci. E' necessario, affinché la contrapposizione "dolce-forte" sia equilibrata, che il prosciutto sia di tipo "salato", alla toscana, appunto, ma non di quello che troppo spesso, infame, si trova comunemente in commercio e che di sapore ha solo quello del sale. Ci vorrebbe di quello del tanto vituperato contadino, allora sì che questi crostini rivelerebbero a pieno la loro stupenda bontà.

Una ricetta di Giuseppe Alessi
Fotografia di Kee-Ho Casati

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy