Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Cucina
Cucina
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

La cucina di Alessi

 

 
 

Pancrocino maremmano

  • 4 grosse fette di pane toscano raffermo
  • 600 gr di pomodori ben maturi
  • 8 cipolline fresche
  • 4 spicchi di aglio
  • un mazzolino di prezzemolo
  • un pizzicone di origano essiccato
  • olio di oliva
  • sale e pepe
Tagliare le fette di pane dal centro di un “filone” di pane toscano, piuttosto spesse (3cm ca.) e metterle sulla griglia ben arroventata affinché abbiano ad arrostire velocemente e il calore violentissimo gli faccia fare la crosticina di fuori lasciandole soffici dentro. Rigirarle varie volte, modificandone il verso, per lungo e per largo rispetto ai ferri della griglia, affinché i segni lasciati da questi prendano l’aspetto di tante crocettine (perciò il suo nome). Mentre il pane arrostisce, mettere in un frullatore 4-5 cucchiai di olio, 200gr dei pomodori, 4 cipolline, il prezzemolo, 2 spicchi di aglio, sale e pepe e frullare fino ad averne una cremina. A parte, separatamente, tagliare a fettine i restanti pomodori e le cipolline. Appena le fette di pane saranno arrostite, disporle distese su un vassoietto, soffregarle con l’aglio, spalmarle con abbondante cremina di pomodoro, distendervi sopra prima le fettine di pomodoro, poi quelle di cipollina. Salare e pepare appena, irrorare di olio, servire come antipasto caldo, in dosi adeguate come piatto unico di un pranzetto veloce.
Derivata da una semplicissima usanza maremmana, questa variante di “panunto” può essere vivacizzata ulteriormente con un po’ di peperoncino sbriciolato sopra all’ultimo istante. Fondamentale, come in tutte le preparazioni rustiche, la bontà degli ingredienti. Perciò si raccomanda di osservare la stagionalità dei prodotti e di non lasciarsi abbacinare dall’aspetto delle confezioni delle “primizie” negli scaffali curati dai “vetrinisti”.

Una ricetta di Giuseppe Alessi
Fotografia di Kee-Ho Casati

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy