Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Cucina
Cucina
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Prodotti tipici

Prodotti dell'apicoltura
Bevande, distillati e liquori
Carni
Carni secche
Insaccati
Preparazioni a base di Frattaglie
Formaggi
Olii
Pesci, molluschi e crostacei
Pasta fresca
Pane e prodotti da forno
Dolci e pasticceria
Biscotti
Frutta
Ortaggi e tuberi
Legumi
Grano, mais e castagne

 

 
 

Cavolo riccio nero di Toscana

Braschetta

Il cavolo riccio nero di Toscana si chiama così perché presenta foglie molto grandi, di colore verde scuro e con nervature più chiare. La loro superficie è assai frastagliata per la presenza di "bolle" alquanto grosse. Il sapore e l’odore sono quelli tipici del cavolo. Si produce da ottobre a marzo.

Descrizione dei processi di lavorazione:

  • Acquisto delle sementi
  • Preparazione del terreno: lavorazione principale, concimazione di fondo, fresatura
  • Sesti di impianto: circa 6 piante/m2
  • Eventuale lotta fitosanitaria: batteriosi e cavolaia
  • Concimazione: 1:1:2
  • Raccolta manuale

La tradizionalità del prodotto è data dalla particolarità della cultivar, il cavolo riccio nero di Toscana, un ecotipo locale legato soprattutto alla cucina povera dei contadini che lo usavano per fare la tipica "ribollita" o minestra di pane. La cultivar e l’influenza dell’ambiente sono responsabili del sapore molto intenso di questo cavolo. Si produce in zona da almeno 150 anni.

Nella provincia di Firenze la produzione di cavolo riccio nero con sementi autoriprodotte avviene in due aziende, a Soffiano e a San Casciano Val di Pesa, che ne producono complessivamente circa 10-15 quintali l’anno; 3 quintali vengono prodotti da un’azienda di Montevarchi, in provincia di Arezzo, la cui attività consiste nella riproduzione di seme di varietà autoctone. Tale quantità potrebbe potenzialmente raggiungere i 6 quintali l’anno. Esistono poi altri produttori di cavolo nero nella provincia di Firenze, però non vi è la certezza che utilizzino seme puro. La loro produzione annuale si aggira intorno ai 320 quintali.La vendita avviene totalmente nelle province di Firenze e di Arezzo, generalmente a privati direttamente in azienda.

Territorio interessato alla produzione Province di Firenze e di Arezzo.
Produzione in atto Attiva.
Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione Seme acquistato o autoriprodotto.
Testi ed immagini di proprietà di Arsia e della Regione Toscana riprodotti su autorizzazione.

Fotografia di Derno Ricci
 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy