Terra di Toscana www.terraditoscana.com

Digiune (le)

Erano così dette a Barberino le budella di agnello, di maiale o di vitello di latte. Erano però un piatto comune a tutta la vallata, che non gettava via all'epoca quello che era considerato uno dei pasti migliori dell'annata.
Le budella si aprivano e si lavavano con molta acqua, poi potevano essere utilizzate fritte o rosolate in padella. Budelline fritte: si puliscono molto bene, aprendole e lavandole con molta acqua, poi si scottano, si tagliano a pezzi di circa 10 cm. e si fanno a nodino. Si infarinano, poi si passano nell'uovo sbattuto con sale e un pizzico di pepe e si friggono in abbondante olio.

Frittata di budelline: quando le budelline sono ben pulite, si scottano e si fanno rosolare lentamente nel burro, si aggiunge un po' di olio e si ricoprono con uova sbattute, con sale e un pizzico di pepe. Si cuoce la frittata da entrambe le parti e si serve caldissima.

Testo di Tebaldo Lorini


Terraditoscana © Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489