Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Palazzo Vecchio

Le fondamenta del Palazzo furono poste nel febbraio 1299 e ne fu architetto Arnolfo di Cambio; nel 1302 la facciata principale e la torre di 94 metri era già pronta, ma il retro del Palazzo fu costruito, poi ampliato, in periodi diversi, fino all'ultima modifica dell'Ammannati nel 1588. Il Palazzo fu ideato come residenza ed ufficio per i Priori e per il Gonfaloniere di Giustizia, i quali venivano comunemente chiamati "Signori". Essi duravano in carica due mesi, durante i quali avevano l'obbligo di vivere prevalentemente nel Palazzo, seguendo regole severe, simili ad una comunità conventuale.

Questo Palazzo ha cambiato nome più volte, inizialmente venne indicato come "Palatium Populi" Palagio nel linguaggio parlato, poi divenne "Palazzo della Signoria" e diventò nel 1540 "Palazzo Ducale" quando vi si insediò il Duca Cosimo I; solo più tardi fu chiamato "Palazzo Vecchio", e quando Firenze divenne Capitale d'Italia dal 1865 al 1871, fu sede del Parlamento.

Poche modifiche esterne sono state fatte nei sette secoli di vita del Palazzo, ma all'interno ha cambiato più volte aspetto; alla fine del 1400 Savonarola, allora al Governo, fece costruire il famoso salone dei 500, dove poter radunare il popolo deliberante. Più tardi, sotto il comando di Cosimo I, il Vasari trasformò il medesimo salone nel trionfo del Principe, con gli affreschi delle vittorie Fiorentine sulle città Toscane. Nel 1454 Michelozzo trasformò l'austero cortile medievale del Palazzo nei modi del primo Rinascimento; il Vasari cento anni dopo lo arricchì di stucchi dorati e affreschi con le immagini delle principali città dell'Impero Asburgico, in onore di Giovanna d'Austria, moglie di Francesco De'Medici. Al centro del cortile c'è una piccola fontana, il Putto con Delfino, (ora in copia) del Verrocchio, posto su una vasca di porfido di Francesco Ferrucci. Nel 1550 circa il Duca Cosimo I abitò il Palazzo insieme alla sua famiglia, e così lo fece adattare alle sue necessità dal Vasari che creò stanze di rappresentanza e stanze per la famiglia, facendosi affiancare da numerosi artisti dell'epoca.

Non potendo descrivere tutte le bellezze artistiche racchiuse in Palazzo Vecchio, ci limitiamo a citare, oltre al Salone dei Cinquecento, Lo Studiolo di Francesco I, stanza di una suggestione incredibile, dalla forma a cassapanca fiorentina, senza finestre, totalmente affrescata da vari artisti, dove Francesco I dedicava molto del suo tempo agli studi scientifici.
La Sala dei Gigli, con un bel portale d'ingresso e il soffitto a cassettoni, opere di Benedetto e Giuliano da Maiano, al suo interno vi è stato posto l'originale del gruppo bronzeo di Donatello Giuditta e Oloferne, fatto su commissione di Cosimo il Vecchio; questa sala è decorata con gigli oro in campo azzurro (da qui il nome), che non sono,come si può pensare, simbolo di Firenze, ma sono i gigli Francesi degli Angiò, protettori della parte Guelfa.

La Sala delle Udienze, un tempo formava insieme alla Sala dei Gigli un unico grande locale, ed era adibita alle riunioni dei Priori ed alle sedute del Tribunale. L'artista Giuliano Da Maiano ha decorato sia il soffitto a cassettoni con lo stemma del popolo Fiorentino; gli affreschi di questa sala sono stati eseguiti dal Salviati.
Oggi Palazzo Vecchio è sede del Comune di Firenze e la parte più preziosa, non adibita ad uffici, è visitabile.

Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy