Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Orbetello

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 14.862

Il territorio del comune di Orbetello si estende per 226,98 kmq in una zona litoranea, in parte pianeggiante e in parte collinosa, all'estremo sud della Maremma toscana. Dominio dell'abbazia delle Tre Fontane nel Medioevo, divenne capitale dello Stato dei Presidi in epoca moderna. Ha subito detrazioni e aggiunte territoriali, perdendo nel 1843 il promontorio di Monte Argentario e inglobando nello stesso anno la comunità di Capalbio (tornata però ad essere comune autonomo nel 1960).

Orbetello, di cui si suppone l'esistenza già nel VII secolo a.C., fu in epoca preromana un centro assai florido. Nell'alto Medioevo, probabilmente intorno al IX secolo, il suo territorio venne compreso nei possedimenti dell'abbazia romana delle Tre Fontane, che nel 1269, pur conservandone il diritto formale di proprietà, fu costretta a cederne l'effettivo dominio a Ildebrandino il Rosso degli Aldobrandeschi di Sovana. Nel corso del Trecento, dopo la parentesi di una dominazione orvietana, Orbetello fu oggetto di contesa tra gli Orsini (sostituitisi per successione agli Aldobrandeschi) e la repubblica di Siena, che ne acquisì il possesso nel 1414.

Il dominio senese fu legittimato nel 1452 dall'abbazia delle Tre Fontane, i cui diritti sul territorio non si erano mai estinti. Assediata e messa a sacco più volte (nel 1454 dalla compagnia di Ventura del capitano Gonzaga, nel 1526 dalle truppe papaline, nel 1543 da una incursione turca), Orbetello divenne nel 1557, con la vittoria delle forze imperiali e medicee nella guerra di Siena, capitale del piccolo Stato dei Presidi, comprendente anche Talamone, l'Argentario e Longone nell'Elba. Assediata vanamente dai francesi nel 1646, passò nel 1708 agli austriaci e dal 1746 ai Borboni di Napoli. Nel 1808 i resti dello Stato dei Presidi Vennero incorporati nel napoleonico regno d'Etruria e nel 1815 nel granducato di Toscana. Notevole rilievo storico hanno anche Ansedonia, l'antica Cosa, già colonia romana fondata nel 273 a.C., distrutta completamente dai senesi nel 1329, e Talamone, già porto etrusco e romano, dominato dagli Aldobrandeschi e divenuto dall'inizio del Trecento lo scalo della Repubblica di Siena.

Da vedere:
Palazzo di Spagna, residenza dei viceré spagnoli, è dominato dalla seicentesca Torre dell’Orologio.
Ex Convento delle Clarisse, del 1615, soppresso nel 1808. E’ sede della Biblioteca Comunale.
Il mulino, l’unico rimasto fino ad oggi, dei nove mulini costruiti dai Senesi nel XVI secolo nella laguna.
Duomo, intitolato a S. Maria Assunta, la costruzione si fonda su di un preesistente tempio pagano. Venne riedificata nel 1376 per volere degli Orsini, e successivamente fu ampliata e restaurata. L’interno a tre navate ospita varie opere d’arte.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici
Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit