Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Saturnia

Comune di Manciano

Nel cuore della Maremma, lungo la via Clodia, tra paesaggi incantevoli e reperti archeologici, si trova Saturnia, nota in tutto il mondo per le sue acque termali. Infatti, presso l’abitato, le copiose acque sulfuree (800 litri al secondo) sgorgano a 37° e danno vita spontaneamente una suggestiva cascata che forma una serie di piscine naturali, scavate nella roccia, nelle quali ogni anno si bagnano migliaia di persone; inoltre, le stesse acque alimentano da decenni l’efficiente impianto termale, nel quale, grazie alle proprietà delle acque, si curano alcune malattie.
La leggenda sulla nascita di Saturnia narra che il dio Saturno, adirato con gli uomini sempre in guerra tra loro, abbia scagliato un fulmine sulla terra, dando luogo ad una fonte magica, di acqua sulfurea tiepida che rappacificò gli uomini.
Si dice inoltre che Saturnia sia la più antica città della penisola, dedicata al dio Saturno, per certo si sa invece che il paese attuale sorge su di un enorme masso di travertino, nel luogo dell’antico insediamento risalente almeno al XII sec. a.C..
Etruschi e Romani, che successivamente la dominarono, amarono e sfruttarono a loro volta le acque termali. Nel 1300 Saturnia, divenuta covo di fuoriusciti, fu rasa al suolo da Siena.

Nel medioevo su Saturnia nacquero infinite leggende dovute al paesaggio denso di fumo, dove il vapore scaturito dal calore delle sorgenti, faceva pensare agli inferi. Si diceva infatti, che da qui uscisse il diavolo e che vi si svolgessero riti sabbatici e riunioni di streghe e maghi.
Delle acque, si diceva che erano stregate, sia per il loro calore che per l’acuto odore “satanico” che sprigionavano.
Dimenticata per alcuni secoli, Saturnia fu riscoperta nella seconda metà del 1800, quando Bernardino Ciacci provvide a bonificare il terreno intorno alla fonte e costruì lo stabilimento termale.
Saturnia oggi è un paese che, pur mantenendo l’aspetto storico, ha dato vita ad un turismo termale molto attivo, grazie sia al complesso termale (www.termedisaturnia.it) che richiama ogni anno migliaia di persone, che alle molte strutture turistiche che vi si sono sviluppate intorno.

Picture by Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit