Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Garfagnana

La Garfagnana è un lembo di territorio situato nella mezza e alta Valle del Serchio, circondata dalle Apuane e dagli Appennini. Questa zona fu addirittura abitata in epoca preistorica, poi nei secoli fu soggetta ai vescovi di Lucca e di Luni .Dal 1429 gran parte del territorio fu sotto il potere degli Estensi, i quali nominarono il poeta Ludovico Ariosto loro governatore.
Possiamo partire alla scoperta di questa valle dalla cittadina di Borgo a Mozzano, nota per avere nel suo territorio l'asimmetrico Ponte della Maddalena, meglio conosciuto come Ponte del Diavolo.
Attraversato il fiume Serchio, si arriva a Bagni di Lucca, antica località termale, che nel Sette-Ottocento ebbe il massimo prestigio in quanto Carlo I di Borbone decise l'apertura del primo Casinò d'Europa, così divenne un polo d'attrazione per numerosi personaggi tra i quali: Byron, Shelley, Dumas padre, Rossini e Puccini.

Proseguendo in direzione di Barga troviamo Coreglia Anteminelli, storico feudo che deve la sua fama al "Museo della figurina di gesso dell'emigrazione" ospitato nel Palazzo Vanni.
Barga, centro più importante della Valle del Serchio è oggi un'attiva cittadina commerciale e industriale, ma già dal XIII secolo fu un fiorente luogo di produzione di tessuti pregiati. Il centro storico di epoca medievale, con le mura in parte conservate, si erge su uno sperone sopra la parte moderna, chiamata Barga Giardino. L'antico Duomo s'innalza al culmine del centro storico, in un piazzale erboso, da cui si gode l'intero panorama delle montagne circostanti.
Castelnuovo Garfagnana, nota come il capoluogo della montagna garfagnina, ha origini che risalgono all'VIII secolo. Oggi Castelnuovo è un attivo centro industriale.

La coltura del farro è da sempre risorsa economica della Garfagnana, dove si coltiva fin da epoca romana. Riscoperto di recente, è proposto nei ristoranti di tutta l'Italia. Il farro si può servire caldo o freddo, condito in molti modi. In Garfagnana, oltre alla tradizionale minestra, esiste anche una ricetta alternativa che unisce il farro al riso, che cotti separatamente, vengono poi mescolati e conditi con pepe, sale, noce moscata, formaggi e buccia di limone. Inoltre squisiti sono gli ortaggi che si coltivano in Garfagnana ed in particolare gli "erbi", delle erbette che nascono spontaneamente nei campi che possono essere consumate crude o cotte, ottime anche come base per una gustosa frittata.

Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit