Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Volterra e le Colline Metallifere

La zona delle Colline Metallifere è un'area delineata a nord da fiume Cecina, a sud dal fiume Pecora, mentre da ovest a est va dal mare di Piombino fino all'interno della provincia di Siena.
Dati i numerosi scavi minerari, la natura di quest'area mostra un paesaggio spesso aspro ma, non lontano dalle miniere di argento, rame, piombo e pirite lo sguardo si perde tra splendidi boschi e vallate coltivate, e proseguendo verso il mare troviamo colline coperte da macchia mediterranea.

I dintorni di Volterra offrono una vista unica a causa del terreno composto da strati sabbiosi e argillosi che in passato hanno dato origine a frane che poi, stabilizzandosi hanno prodotto un paesaggio straordinario a balze, che ricorda l'Inferno Dantesco.
Questa terra, nonostante la sua "mobilità" è sempre stata abitata, in quanto ricca di giacimenti minerari utili all'uomo.
Fin da epoca Etrusca le colline Volterrane furono sfruttate per l'estrazione di rame, argento, piombo, zinco, ma a quel tempo come principale risorsa del luogo troviamo i giacimenti di sale.
Volterra in passato ebbe anche funzione di città-mercato, sia per la sua posizione geografica, sia per i suoi numerosi prodotti.
La città di Volterra è famosa anche per l'estrazione e la lavorazione dell'alabastro, materiale simile al marmo, già conosciuto dagli Etruschi, che costituisce tuttora una voce importante per l'economia della zona.
Oggi Volterra è una cittadina che, sia per i suoi tesori storici e artistici, sia per l'originale artigianato legato all'alabastro, richiama turisti da tutto il mondo.


La fortezza di Volterra

A sud di Volterra troviamo la Valle del Diavolo, che deve il suo nome ai fumi di vapore che scaturivano dai "lagoni", dando alla zona un sinistro aspetto infernale.
Oggi questa risorsa naturale, le acque boriche, vengono sfruttate industrialmente, grazie all'intuizione, nel 1800 circa, del francese Larderel il quale, per mezzo di un'apparecchiatura, riuscì ad usare la forza geotermica del terreno; da lui ha preso il nome il paese di Larderello, nato per le necessità industriali relative ai molteplici impieghi dell'acido borico.

Fotografia di Sandro Santioli
Illustrazione di Olga Bruno

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit