Terra di Toscana www.terraditoscana.com

Il Monte Amiata

Il monte Amiata, il più elevato della Toscana, sorge isolato nel cuore della regione tra le valli dell'Orcia, del Fiora e del Paglia: è il prodotto delle forti eruzioni vulcaniche che si manifestarono fra i 290 e i 180 milioni di anni fa. L'Amiata deve grande notorietà alle sue miniere di solfuro di mercurio (cinabro); alcuni di questi giacimenti erano già stati scoperti dagli etruschi e fino ad epoca recente sono state parte sostanziale dell'economia locale. La montagna ospitava l'uomo già nella preistoria, ne è testimonianza la Pittura dell'Arciere, conservata sulla cima, a quota 1738 metri.
Percorrendo le varie strade provinciali dell'Amiata si intraprende uno dei viaggi più interessanti attraverso la Toscana, partendo da Abbadia San Salvatore, importante località di villeggiatura estiva e di sport invernali.
Uscendo da Abbadia San Salvatore andando verso sud si arriva a Piancastagnaio, attraversando una porta merlata si entra nel nucleo abitato, da dove si scorgono i resti della Rocca che fu degli Aldobrandeschi.

La Valle del fiume Fiora sale dolcemente tra i castagni regalandoci uno stupendo panorama sul lago di Bolsena. L'intera Valle, abitata da sempre, e' ricca di siti preistorici ed etruschi.
La cittadina di Santa Fiora, centro turistico tra i più importanti dell'area Amiantina, vanta un intatto borgo antico sviluppatosi ai piedi del Castello degli Aldobrandeschi, che ne fecero la sede della loro contea.
Arcidosso, centro agricolo e località turistica, costruito a semicerchio attorno al castello degli Aldobrandeschi. La Rocca Aldobrandesca, che domina l'abitato, è oggi sede di manifestazioni culturali.

Fotografia di Sandro Santioli


Terraditoscana © Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489