Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Battistero di San Giovanni

Il Battistero di San Giovanni pare sia il più antico monumento di Firenze. Viene citato per la prima volta in un documento dell'897, ma non abbiamo la data certa della sua costruzione.

Nel Medioevo veniva considerato il tempio di Marte di età augustea, trasformato poi in chiesa cristiana dedicata a Giovanni Battista nel 310 circa. Tesi non confermata storicamente, ma è certo che il "Bel San Giovanni", come lo chiama Dante nell'Inferno è un luogo molto caro ai fiorentini, i quali hanno proprio San Giovanni come patrono della città, festeggiato il 24 giugno, e l'effigie del Santo fu riprodotta anche sul Fiorino, antica moneta fiorentina.

Il 6 novembre 1059 il Battistero fu riconsacrato dal Papa e Vescovo di Firenze, Nicola II, probabilmente in concomitanza con i lavori di ampliamento del vecchio edificio, con l'aggiunta del terzo ordine e la sistemazione del tetto piramidale. Inizialmente l'edificio era impiantato su dei gradini, scomparsi poi con l'innalzamento del piano stradale.
All'interno del Battistero, oltre allo spettacolare pavimento marmoreo, intarsiato in parte con elementi dello zodiaco; al fonte battesimale trecentesco di scuola pisana ed ai preziosi mosaici che rivestono l'interno della cupola; si trovano altre opere d'arte di altissimo prestigio.

Questo edificio dalla caratteristica pianta ottagonale, è noto in tutto il mondo per la magnificenza delle tre porte in bronzo dorato, disposte secondo i punti cardinali, nelle quali è scolpita la storia dell'Umanità e della Redenzione.
Si inizia dalla porta centrale con il Vecchio Testamento, si passa poi alla porta sud, con le storie di San Giovanni Battista, infine la porta nord, con la storia di Cristo. Queste porte, che sostituirono quelle in legno, furono eseguite da artisti eccellenti: la porta sud (la più antica) è opera di Andrea Pisano; la porta nord, detta anche porta alla Croce, è opera di Lorenzo Ghiberti, come la terza, porta est, detta Porta del Paradiso.

Il Battistero, pur compreso nell'area di Piazza Duomo, ha davanti al suo ingresso una piazza, Piazza San Giovanni, appunto, la quale fu ampliata secoli fa, con l'arretramento del Palazzo dell'Arcivescovado.

Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit