Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Palazzo Capponi

Pare che questo grande palazzo sia stato edificato sopra le vecchie case della famiglia Capponi; esso deve la sua fama alla storia romantica di un amore tra due giovani, Ludovico Capponi e Maddalena Vettori, orfana e proprietaria del Palazzo. Questo amore fu prima duramente osteggiato, poi entrambe le famiglie cedettero e nel 1557 fu celebrato il matrimonio.

Gli sposi vennero ad abitare in questo palazzo, ed essendo molto ricchi lo abbellirono di oggetti di gran pregio, portati dai loro numerosi viaggi. Ludovico fece elevare una nuova facciata a simboleggiare il suo possesso ed il contrastato matrimonio; internamente fece costruire un meraviglioso salone, affrescato dal Poccetti, con scene di episodi e ritratti dei componenti della famiglia Capponi. Ludovico chiamò anche altri artisti per abbellire il suo palazzo, come i pittori Jacopo da Pontorno, Il Bronzino, Frà Filippo Lippi.

Un primo ampliamento del Palazzo fu fatto ad opera del figlio di Ludovico, Bernardino, che nel 1600 circa, sposò Elisabetta Salviati, di cui possiamo vedere lo stemma di famiglia unito a quello dei Capponi sui frontoni di alcune porte. Altri lavori furono eseguiti nel 1650 circa, ad opera del Senatore Vincenzo Capponi, famoso per la sua splendida collezione di antichi codici, pergamene e libri stampati, la quale, alla sua morte passò, per eredità, alla famiglia Riccardi. Questa collezione è ora custodita nell'Archivio di Stato di Firenze.

Oltre alla collezione la famiglia Riccardi ereditò anche altre proprietà dei Capponi, incluso il Palazzo del Lungarno, che, nel 1800 fu venduto ad un certo Forlin. Dopo altri numerosi passaggi di proprietà, dal 1938, il palazzo è stato acquistato dai Conti Bulgarini d'Elci di Siena, i quali ne affittarono una parte, comprensiva del Salone del Poccetti, alla sede del Collegio degli Ingegneri della Provincia di Firenze, che tutt'ora vi risiede.

Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy