Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Palazzo Capponi delle Rovinate

Gli eredi della nobile casata dei conti Capponi hanno il vanto di abitare il palazzo più antico della famiglia. L’edificio è conosciuto con l’appellativo “delle Rovinate”, in quanto il sovrastante Poggio dei Magnoli, franò, cioè rovinò, più volte con tutte le sue case, tanto che Cosimo I, dopo l’ultima frana del 1547, vi proibì ogni ricostruzione.

Il palazzo fu costruito nella sua parte principale, ai primi del Quattrocento da Niccolò da Uzzano, importante cittadino della Repubblica, come testimoniano sia un suo ritratto su affresco nell’atrio, sia gli stemmi degli Da Uzzano posti sulla facciata. L’architetto dell’edificio è ignoto, anche se il Vasari indicò il pittore Lorenzo di Bicci. L’imponente edificio, vista la data della sua origine, è molto importante nella storia dell’edilizia privata di Firenze. Infatti alcune caratteristiche di questo palazzo, come la facciata in bugnato, che è stata ripresa poi nella costruzione di altri palazzi cittadini eretti in epoca posteriore; ed il particolare cortile interno, quadrangolare e circondato da portici, anticipa nel tempo i cortili dei palazzi, dello stesso genere, costruiti in epoca rinascimentale.

Il primo piano mostra ancora la lineare eleganza dello stile originario, mentre gli altri piani hanno subito pesanti modifiche fatte in epoche diverse. Già nel secolo XVII il palazzo fu rimaneggiato e fu edificata la piccola cappella ornata di opere d’arte di notevole rilievo. Durante la seconda metà dell’Ottocento la costruzione del nuovo Lungarno Torrigiani, spinse i conti Capponi a rifare la parte posteriore del palazzo che guarda l’Arno.

L’incarico per il rifacimento della facciata fu dato all’architetto Poggi, che realizzò l’opera aggiungendo due terrazzi laterali scoperti, all’altezza del primo piano. Dietro a questo lavoro, la maggior parte del piano nobile del palazzo fu trasformata e ammobiliata secondo i gusti dell’epoca.

Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy