Terra di Toscana www.terraditoscana.com

Londa

Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 1.216

Situato sulla sinistra del fiume Sieve dal quale è distante circa 3 Km., lungo la S.S. 556 per Stia, sorge il paese di Londa, capoluogo dell'omonimo comune, esteso Kmq 59,90. I comuni limitrofi sono Rufina, Dicomano San Godenzo, Stia e Pratovecchio.
Il territorio del comune, posto fra i 200 e i 1480 metri s.l.m. è costituito morfologicamente dalle vallate dei due principali torrenti Rincine e Moscia, e comprende le frazioni di Petroio, Rincine, Fornace, Caiano, S. Leolino, Sambucheta, Bucigna, Vierle e Rata. L'ambiente è caratterizzato da una ricca vegetazione boschiva e forestale e da purissime acque sorgive che rendono il clima particolarmente salubre.

Le attività economiche locali hanno subito, nell'ultimo trentennio, profonde trasformazioni. L'agricoltura, che copre il 20% circa del territorio, interessata dal fenomeno dell'abbandono - comune a tutte le zone appenniniche - resta insieme all'attività forestale, vivaistico-forestale e all'artigianato, la base dell'economia locale. Nel settore agricolo, meritevole di particolare segnalazione l'impianto di una cultivar di pesco a maturazione tardiva ottenuta in loco, detta la "Regina di Londa".

Di notevole rilievo lo sviluppo turistico che ha interessato tutto il territorio comunale, con insediamento di villette (seconde case) che in particolari periodi dell'anno determinano il raddoppio della popolazione presente. Di rilievo, altresì, il turismo "pendolare" dovuto oltre che al valore ambientale e climatico, alla presenza nel capoluogo del laghetto sul torrente Rincine con annesse strutture ricettive e sportive, luogo divenuto molto conosciuto anche per le manifestazioni che annualmente vi vengono svolte.

Il territorio di Londa fu interessato da insediamento umani fino dall'epoca etrusca, come è del resto attestato da alcuni cippi sepolcrali il primo dei quali venuto alla luce nel 1871 in località Il Trebbio in frazione Vierle, perfettamente conservato e di finissima lavorazione, oggi visibile nel Museo Archeologico di Firenze. La presenza di una vera e propria necropoli, purtroppo ancora quasi del tutto inesplorata, lascia pensare ad un consistente e stabile insediamento di popolazioni etrusche che può essere datato al VI secolo A.C.

Da vedere:
Meritevole di particolare segnalazione la "Festa di Settembre", che ricorre la seconda domenica in concomitanza con la Sagra della pesca "Regina di Londa".

Terraditoscana © Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489