Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Gaiole in Chianti

Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 2.309

Il territorio del comune di Gaiole in Chianti si estende per 128,99 kmq tra i monti del Chianti e le colline dell’alta Val d’Arbia. Ebbe origine nel Medioevo come mercatale dei castelli di Vertine e di Barbischio; divenne sede di comunità con le riforme leopoldine nel 1774.

Qualche notizia storica della terra di Gaiole si ha a partire dal 1086 in atti di donazione o di livello per lo più relativi alla vicina badia di Coltibuono; ma forse è solo dalla fine del XII secolo che sulla via che dal Valdarno porta nel Chianti inizia a svilupparsi il villaggio di Gaiole come punto di riferimento e di luogo di scambio dei vicini castelli: e come mercato viene ricordata già in un documento del 1215.

Con la costituzione, a metà del XIII secolo, della Lega del Chianti da parte di Firenze, Gaiole si affermò come capoluogo di uno dei terzieri (gli altri erano Castellina e Radda), rappresentando dalla metà del Quattrocento fino alla conquista fiorentina del territorio senese una base militare di rilievo per Firenze.

Nel territorio di Gaiole rimangono imponenti castelli di origine molto antica: Brolio, possesso dei Firidolfi-Ricasoli fin dal XII secolo, completamente ricostruito nel 1564; Montegrossoli, conquistato da Firenze nel 1172, luogo ambito per la sua posizione strategica sul crinale tra Valdarno e Chianti, del quale restano oggi solo suggestive rovine; Meleto, anch’esso un tempo possesso dei Firidolfi; e inoltre la nota badia di Coltibuono, uno dei più importanti centri vallombrosani della regione, fondata nell’XI secolo e divenuta fattoria di proprietà privata nel 1810.

Da vedere:
Vertine, borgo medievale a pianta ovale racchiuso da mura di cui rimangono alcuni tratti.
S. Maria a Spaltenna, poco fuori dall’abitato si trova questa pieve romanica del secolo XII.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici
Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy