Terra di Toscana www.terraditoscana.com

Comuni della provincia

2 / 43

Bagno a Ripoli

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 27.382

Il territorio del comune di Bagno a Ripoli ha una superficie di 74,09 kmq e si estende sulla riva sinistra dell'Arno fino a congiungersi con quello di Firenze. Sede di lega dal XIII secolo, poi capoluogo di podesteria e infine di un'estesa comunità leopoldina, ha raggiunto l'assetto territoriale attuale nel 1968 con l'aggregazione di una parte del soppresso comune del Galluzzo, dopo che nel corso dell'Ottocento aveva ceduto a Firenze tre frazioni sulla destra dell'Arno (Settignano, Varlungo e Rovezzano).

Il comune si articola su tre centri maggiori: oltre a Bagno a Ripoli, Antella e Grassina. Il capoluogo deve parte del nome alla presenza, in epoca romana, di uno stabilimento termale, i cui resti furono rinvenuti durante il XVII secolo, mentre il toponimo Ripoli lo si fa comunemente derivare dalla posizione (Ripa), in prossimità del fiume, di un piano alluvionale nato dalle modificazioni del corso dell'Arno; fu sede dal XIII secolo della Lega di Ripoli, una federazione di popoli rurali con compiti amministrativi e militari. L'altro centro di cui bisogna fare menzione è quello di Antella, la cui antica pieve ha rappresentato un polo di aggregazione che dette vita, nel corso del tempo, all'attuale paese. Diversa origine sembra aver avuto Grassina, sviluppatasi forse come mercatale del sovrastante castello di Montacuto, ma accresciutasi soprattutto tra Otto e Novecento per lo sviluppo dei traffici e grazie alla fiorente industria della lavatura dei panni. Degno di nota è il fatto che il territorio della piana di Ripoli era (e risulta anche dai disegni di Leonardo da Vinci) attraversato da un ramo secondario dell'Arno (il cosiddetto Bisarno), che formava un'isola fra Varlungo sulla riva destra e la parrocchia di San Piero in Palco sulla riva sinistra.

Da vedere:
Area archeologica, con resti di edifici romani. Si può visitare su richiesta al Comune.
S. Maria a Quarto, chiesa già esistente nel XIII sec., fu restaurata con integrazioni neogotiche, nel 1930. Conserva preziosi dipinti.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici


Terraditoscana © Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489