Terra di Toscana www.terraditoscana.com

Comuni della provincia

5 / 39

Bucine

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 8.746

Il territorio del comune di Bucine si estende per 131,11 kmq. nella Val d'Ambra, anticamente attraversato dalla via Cassia adrianea che univa Chiusi e la Val di Chiana con Firenze. Feudo dei conti Guidi, divenne comunità nel 1774 e ad essa furono assegnati tutti i centri facenti parte dell'antica podesteria di Val d'Ambra.

Nel XIII secolo esercitavano il loro predominio su Bucine e sulla maggior parte della valle i conti Guidi di Modigliana, fino a quando un membro di quella famiglia, Guido di Tegrimo, pose gli abitanti del borgo sotto la giurisdizione di Arezzo nominandone podestà e visconte Orlando degli Albergotti (1255). Passata poi sotto la signoria di Pier Saccone di Pietramala, e da questi venduta nel 1322 a Guido Alberto dei conti Guidi di Modigliana, Bucine, insieme a Galatrona, Cennina e altri centri minori, nel 1335 entrò a far parte del contado di Firenze (l'annessione fu sancita dal trattato di Sarzana nel 1353). Nel 1646 il granduca Ferdinando II la cedette in feudo a Guido Vitelli; l'investitura fu poi rinnovata nel 1738 a favore di Niccolò Vitelli. Nel corso della lotta di Liberazione, la popolazione del comune subì da parte dei nazifascisti numerose rappresaglie, che provocarono più di un centinaio di vittime.

Da vedere:
A circa 5 km dall’abitato di Bucine si trova la Pieve di Galatrona, edificio in stile romanico con campanile a vela, ospita al suo interno il fonte battesimale di Luca della Robbia, insieme ad altre pregevoli terrecotte della stessa bottega.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici


Terraditoscana © Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489