Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

6 / 43

Calenzano

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 14.959

Il territorio del comune di Calenzano si estende per 76,87 kmq in Val di Marina, tra i monti della Calvana e monte Morello fino alla piana tra Firenze e Prato. Il capoluogo, posto in posizione elevata, ebbe origine come castello feudale.

Calenzano, importante nodo viario in età romana, fu nel Medioevo un feudo dei conti Guidi, che nel XII secolo vi edificarono una rocca dominante la strada che conduce va nel Mugello. Dai Guidi passò poi in proprietà di grandi famiglie fiorentine, quali i Cavalcanti, i della Tosa, i da Sommaia, gli Scali che detennero ampi possessi nel territorio circostante. Gravemente danneggiato dai ghibellini dopo la battaglia di Montaperti (1260), subì nuove devastazioni per mano di Castruccio Castracani nel 1325 e dell'esercito visconteo nel 1351. Pervenuto definitivamente in possesso della repubblica fiorentina nel 1352, questa, valutandone l'importanza strategica, si preoccupò subito di munirlo convenientemente (ancora oggi si conservano nel castello cospicui resti delle mura e due porte turrite) e tali rafforzamenti si dimostrarono utili già l'anno seguente, quando Calenzano resistette con successo all'assedio postogli dai pisani e dalle compagnie di ventura inglesi al loro soldo.

Fu sede di una lega del contado fiorentino e la prima stesura degli statuti locali è del 1411, quando il centro abitato dovette conoscere uno dei suoi periodi più prosperi, mentre agli antichi signori del luogo si erano sostituiti nuovi proprietari quali i Medici e i discendenti di un notaio emigrato da Calenzano a metà del Trecento, che trasferitosi a Firenze aveva dato inizio alle fortune mercantili della prosapia dei Ginori. Solo marginalmente coinvolto dalle vicende drammatiche conseguenti alla cacciata dei Medici e al loro ritorno nel primo Cinquecento, in età moderna Calenzano, esentato ormai dal ruolo di avamposto militare a difesa della città, assunse definitivamente i connotati di centro agricolo e di luogo di confortevoli soggiorni in villa.

Da vedere:
Museo del Soldatino e della Figurina storica, singolare raccolta di pezzi unici o di serie assemblate tra loro.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici
Fotografia di Gianfranco Bracci

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy