Terra di Toscana www.terraditoscana.com

Comuni della provincia

8 / 43

Capraia e Limite

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 5.137

Il territorio comunale di Capraia e Limite si estende per 25 kmq in collina, nel Valdarno Inferiore, sulla riva destra del fiume. Possesso feudale poi podesteria, nel 1874 vide trasferita la sede comunale da Capraia a Limite.

Capraia, ricordata per la prima volta nel 998 in un privilegio di Ottone I con il nome di Cerbaria (cioè luogo selvaggio), è legata ai conti Alberti, di cui troviamo notizia nel 1142, in una concessione di decime al monastero di San Tommaso, sito appunto in Capraia, da parte del vescovo fiorentino. La presenza di questo castello, situato in posizione estremamente importante e controllato dai pistoiesi che ne avevano fatto un avamposto per il controllo del traffico fluviale, rese necessaria, nel 1203, la costruzione di Montelupo da parte dei fiorentini. Nel 1249 a Capraia, dove si erano rifugiati, gli esuli guelfi di Firenze vennero sconfitti dai ghibellini e dalle truppe imperiali. Nel XIV secolo il castello fu acquisito dal comune di Firenze, e divenne una delle principali zone di possesso della famiglia dei Frescobaldi, fino a che nel 1740 venne loro concesso, come feudo con il titolo di marchesato, insieme alla Castellina di Greti. Non sono ricordati fatti importanti legati alle sorti del paese che dovette vivere abbastanza tranquillamente, pur essendo situato in una zona a lungo vicina ai confini dello stato fiorentino. Danni li dovette invece subire durante il secondo conflitto mondiale, quando l'abitato fu oggetto di distruttivi bombardamenti. L'attuale sede del comune, Limite, sorse come scalo fluviale nei pressi della Castellina di Greti.

Da vedere:
S. Stefano, chiesa che conserva al suo interno una tela di Filippo Tarchiani del 1621.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici


Terraditoscana © Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489