Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

9 / 39

Castel San Niccolò

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 2.859

Il territorio del comune di Castel San Niccolò, nel Valdarno casentinese, si estende per un'area di 83,14 kmq sulle pendici nord-orientali del giogo del Pratomagno, dal tratto più elevato del crinale (Croce di Pratomagno, a 1.591 m di altezza) fino alla confluenza del torrente Solano con l'Arno, nella piana di Campaldino e in epoca romana era attraversato dalla via che provenendo da Firenze per Pelago giungeva a Montemignaio e quindi a Vado, dove si immetteva nella più importante strada casentinese. Centro feudale, poi podesteria medievale, nel 1808 fu privato della frazione di Montemignaio, eretta a sede di comunità; raggiunse l'assetto attuale nel 1868, con l'acquisizione delle frazioni di Battifolle, Caiano, Poggio Vertelli, Ristonchi e Vertelli, prima facenti parte del comune di Montemignaio.

Il castello di San Niccolò fu una delle rocche più munite possedute dai conti Guidi nel Casentino fin dal XIII secolo. Vi era signore il conte Galeotto quando nel 13421a popolazione, vessata dal suo governo dispotico, insorse riuscendo a cacciarlo. Castel San Niccolò si dette allora spontaneamente a Firenze che ne fece capoluogo di una vasta podesteria, detta della Montagna Fiorentina, comprendente Montemignaio, Battifolle, Borgo alla Collina e Ortignano; l'acquisto della comunità da parte della repubblica fiorentina fu sancito nel 1359, con un atto pubblico sottoscritto dal conte Marco dei Guidi. Nel 1440 il castello si rese protagonista di una lunga resistenza all'assedio posto dalle truppe di Niccolò Piccinino. Dopo la sua decadenza acquistò sempre più importanza il sottostante borgo di Vado (nato nel Medioevo come mercatale del castello e così chiamato probabilmente perché formatosi all'altezza del guado sul torrente Solano), poi denominato Strada, toponimo che indica chiaramente come la sua origine e il suo sviluppo siano dovuti all'ubicazione su una grande direttrice di transito.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit