Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

15 / 39

Chiusi della Verna

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 2.223

Il territorio del comune di Chiusi della Verna (già detto Chiusi del Casentino) si estende per un'area di 102,32 kmq occupando i contrafforti orientale e occidentale tale dell'Alpe di Catenaia tra il Valdarno casentinese e l'alta Val Tiberina. In origine centro feudale, poi podesteria, fu eretto in comunità nel 1776 andando a comprendere quattordici frazioni, già dipendenti dalla podesteria omonima.

La prima menzione storica di Chiusi risale al 967, quando Ottone I confermò in feudo al suo vassallo Goffredo di Ildebrando gran parte dell'Appennino casentinese comprendente anche il comitatus clusinus; e ai discendenti di Goffredo rimase fino a che nel 1324 venne loro tolto con le armi da Guido Tarlati vescovo di Arezzo, per passare quindi, nel 1328, al fratello di questi Pier Saccone. Cacciati i Tarlati dopo una lunga contesa (1360), nel 1384 Chiusi entrò definitivamente sotto la giurisdizione della repubblica fiorentina che ne fece sede, nel 1404, di una podesteria comprendente anche Caprese, con la norma che il podestà dovesse risiedere alternativamente per sei mesi nella rocca di Chiusi e per sei mesi nel palazzetto pretorio di Caprese.

Di notevolissimo rilievo storico e religioso è il Santuario della Verna, situato a 1.128 metri e che ebbe origine dalla donazione del monte sovrastante Chiusi fatta dal conte Orlando a San Francesco nel 1213. Qui si recò il Santo con alcuni compagni a dimorare in una grotta sottoponendosi a un duro regime di penitenza e di mistica contemplazione e qui ricevette nel settembre del 1224 le stimmate. Nella seconda metà di quel secolo fu edificata la Cappella delle Stimmate e nei secoli XIV-XV la Chiesa Maggiore, mentre il luogo diveniva meta di devoti pellegrinaggi. Restaurato dopo i gravi danni subiti durante la seconda guerra mondiale, il complesso architettonico, che conserva nell'insieme un'impronta quattrocentesca, consta di vari edifici appartenenti a epoche diverse, alcune anche di recente costruzione.

Da vedere:
Il Santuario della Verna, vedi sopra.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy