Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

16 / 39

Civitella in Val di Chiana

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 7.649

Il territorio comunale di Civitella si estende per kmq 100,40, diviso tra la Val d'Ambra e la Val di Chiana, parte in zona pianeggiante, parte in collina; il capoluogo è situato su un colle proprio sullo spartiacque fra le due Valli, tra dorsali coperte di boschi - in alto, verso la Val d'Ambra - e una fascia di coltivazioni che cinge a terrazze i fianchi del colle, verso la Val di Chiana. Insediamento militare nell'alto Medioevo, poi podesteria, fu eretta in comunità nel 1774. S Civitella in Val di Chiana era detta anticamente Civitella del Vescovo per esser stata possesso dei vescovi di Arezzo che ne avevano fatto il capoluogo del loro viscontado in Val d'Ambra e residenza consueta delle loro dimore rurali. Dopo la battaglia di Campaldino (1289) fu occupata dai fiorentini; tornata in proprietà vescovile, nel 1311 accolse gli ambasciatori di Arrigo VII che da qui citarono i comuni e i signori toscani a prestare giuramento di fedeltà all'imperatore, con gravi minacce ma con scarsi risultati. Nei seguenti anni il dominio su Civitella si alternò più volte tra i vescovi di Arezzo e la repubblica di Firenze (che nel 1338 ne fece la sede della podesteria del cosiddetto Viscontado fiorentino), fino a quando entrò definitivamente a far parte dello stato fiorentino nel 1384. Nel 1554, durante la guerra di Siena, Civitella fu assalita dalle truppe capitanate da Piero Strozzi, che non riuscirono a impossessarsi del luogo grazie alla strenua difesa delle milizie di Paolo da Castello, capitano al servizio di Cosimo I dei Medici. Nel giugno 1944 il paese fu sottoposto a una spietata rappresaglia, che provocò più di cento vittime e la quasi totale distruzione delle abitazioni.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy