Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

25 / 43

Montaione

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 3.390

Il territorio di Montaione, sullo spartiacque tra la Val d'Egola e la Val d'Elsa, si estende per 104,90 kmq in collina. Podesteria medievale, costituita in comunità nel 1774, ha subito più volte variazioni alla propria superficie territoriale; le ultime, che hanno determinato l'assetto attuale, avvennero nel 1876 quando le frazioni di Castelnuovo e Coiano furono aggregate a Castelfiorentino, e nel 1917 quando la frazione di Gambassi, con Varna, Catignano e Castagno, venne eretta in comune autonomo.

Il capoluogo è ricordato per la prima volta in un atto di donazione del 981 e fino alla metà del XIII secolo fu uno dei comuni dipendenti dalla giurisdizione e dal distretto di San Miniato. Nel 1268 però i montaionesi, stanchi di quel governo, offrirono il loro castello a San Gimignano ne nacque una vertenza per comporre la quale intervenne la repubblica di Firenze, che sentenziò peraltro il ritorno del castello sotto San Miniato. Da questa invisa signoria Montaione si affrancò solo nel 1369, approfittando della sconfitta di San Miniato contro Firenze, alla quale fece atto di dedizione; entrò ufficialmente a far parte del contado fiorentino nell'aprile del 1370, divenendo sede di un podestà. Le controversie con San Miniato durarono comunque ancora a lungo per il possesso di una porzione di territorio detta la Selva di Camporena. Nel 1529 Montaione fu occupato dagli spagnoli di Carlo V. Nel 1814 fu soppressa la podesteria, che venne ripristinata nel 1846.

Da vedere:
Palazzo pretorio, edificio risaltente al sec. XV, ha la facciata ricca di scudi araldici. Oggi è sede del Museo Comunale.
S. Regolo, antica pieve del XII sec. Il campanile è del 1795. Conserva un importante dipinto raffigurante la Madonna col Bambino.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy