Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

12 / 22

Montale

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 9.807

Il territorio del comune di Montale si estende per 32,02 kmq, nella Valle dell'Ombrone, in pianura, collina e media montagna. Centro fortificato, poi podesteria, infine sede di comunità nel 1775, ha raggiunto l'attuale assetto nel 1913 con il distacco della frazione di Agliana andata a costituire un comune autonomo, dopo che all'inizio dell'Ottocento gli era stato tolto il territorio di Cantagallo divenuto comunità a sé stante.

Montale fu eretto all'inizio del XIII secolo in posizione strategica come centro fortificato quando Pistoia, in lotta con i conti Guidi per il predominio della zona, volle munire di difese il colle di Vigliano, anche per tutelarsi nei confronti del dirimpettaio castello di Montemurlo, possesso dei Guidi che stava per essere ceduto alla repubblica di Firenze. In quel luogo, antico feudo dei conti Guidi, si venne costituendo così una comunità rurale dipendente da Pistoia, e la famiglia magnatizia cittadina dei Cancellieri divenne il più potente proprietario di Montale. Nel 1303, nel corso del conflitto che contrapponeva Firenze «nera» a Pistoia «bianca» i fiorentini si impadronirono del castello per «trattato», cioè pagando la somma di 3000 fiorini a chi aveva il compito di difenderlo, procedendo poi alla distruzione delle mura. Il vecchio insediamento fortificato non venne più ricostruito, ma si sviluppò progressivamente il borgo sottostante, e i suoi abitanti si sottomisero a Firenze nel 1351, divenendo Montale sede di una importante podesteria, ruolo confermato e accresciuto nel 1402 quando si procedette a una profonda riforma amministrativa del contado pistoiese.

Fatti di sangue e tumulti coinvolsero anche questo centro a causa della lotta civile tra la fazione dei Panciatichi e quella dei Cancellieri (che continuavano ad essere i maggiori proprietari della zona) nel 1455, nel 1503, nel 1537 e infine nel 1539, ultimo atto della secolare faida; dopo di che la storia di Montale non segnala eventi di rilievo se non quello di essere stata sede in epoca moderna di una vasta podesteria, che si estendeva fino a comprendere una parte dell'Appennino pratese. È patria dello storico e letterato Atto Vannucci (1810-1883).

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy