Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

26 / 43

Montelupo Fiorentino

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 10.064

Il territorio del comune di Montelupo Fiorentino si estende per 24,60 kmq nel Valdarno Inferiore. Ebbe origine come sede di podesteria medievale.

Un modesto gruppo di case chiamato Malborghetto alla confluenza del fiume Pesa in Arno esisteva nel luogo dove i fiorentini, per tenere testa ai pistoiesi e alla schiatta dei conti Alberti da Capraia loro alleati, eressero nel 1203 un munito castello allo scopo di rendere più sicuro il passaggio sull'Arno e l'accesso nella valle della Pesa; secondo le cronache il nome stesso avrebbe dovuto suonare come beffardo monito alla «capra» nemica. Il castello, una volta domati i riottosi conti di Capraia, si ridusse a modesta rocca di osservazione, affidata alle cure di un castellano e di pochi soldati, mentre ai suoi piedi andava sviluppandosi l'omonimo borgo che ben presto venne cinto di mura. Nel 1325 Castruccio Castracani mise a ferro e fuoco il borgo e l'anno seguente il comune di Firenze dette disposizione affinché nuove e più ampie mura cingessero l'abitato. Nelle immediate vicinanze Ferdinando I dei Medici, agli inizi del XVII secolo, fece edificare su disegno del Buontalenti la villa detta Ambrogiana. Gravi danni subì Montelupo nel corso dell'ultimo conflitto, quando quasi la metà degli edifici fu distrutta o gravemente danneggiata. A Montelupo nacque lo scultore e architetto Bartolomeo Sinibaldi, più noto come Baccio da Montelupo (1469-1535).

Da vedere:
Il castello, sulla sommità della collina, i resti e l’alta torre ospitano la casa di Baccio da Montelupo, un pozzo cinquecentesco e da prioria di S. Lorenzo, con frammenti di affreschi del 1284.
Palazzo del Podestà, edificio trecentesco dotato di portico e loggia, ha la facciata ricca di stemmi araldici. Ospita il Museo archeologico e della ceramica.
S. Giovanni Evangelista, pieve con l’impianto a tre navate, fu rifatta nel 1756.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy