Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

22 / 28

Roccastrada

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 9.377

Il territorio del comune di Roccastrada si estende per 284,37 kmq in una zona collinosa e di media montagna che degrada a sud verso la piana di Grosseto. Dominio degli Aldobrandeschi nel Medioevo, poi capoluogo di podesteria, comprendeva entro i suoi confini, in origine, anche la frazione di Montepescali, aggregata dal 1905 al comune di Grosseto.

In un privilegio di papa Innocenzo II, dell'aprile 1140, Roccastrada viene citata come un insediamento già importante. Sottoposta fin dal X secolo al dominio degli Aldo- brandeschi, fu assegnata nel 1274, al momento della divisione della contea aldobrandesca, al conte Ildebrandino del ramo di Santa Fiora, che pochi anni più tardi, nel 1283, avrebbe ospitato entro le mura di Roccastrada i fuorusciti senesi di parte ghibellina. Nel 1301 l'antica famiglia comitale rinunciò ai propri diritti sul castello cedendoli alla repubblica di Siena, che incorporò Roccastrada nel proprio contado.

Dopo un effimero tentativo di recupero compiuto dagli Aldobrandeschi nel 1315, che costò al castello la distruzione delle mura, Roccastrada rimase sottoposta alla signoria di Siena, successivamente a quella di Montalcino e, dal 1559, al granducato mediceo. Tra le frazioni del capoluogo particolare rilievo storico ebbero, soprattutto in epoca medievale, Montemassi e Sassoforte, i due castelli immortalati nel celebre affresco di Simone Martini raffigurante Guidoriccio da Fogliano (che a queste due località pose assedio nel 1328), e Roccatederighi, che deve il suo nome a Tederigo, vassallo degli Aldobrandeschi. Il 24 luglio 1921 Roccastrada fu teatro di una sanguinosa incursione delle squadre fasciste, che lasciò sul terreno dieci vittime. Durante la lotta di Liberazione si sviluppò in questa zona un'intensa attività partigiana che tenne impegnate per cinque giorni, dal 19 al 24 giugno 1944, le truppe tedesche fino all'arrivo degli alleati.

Da vedere:
S. Niccolò, del secolo XIII, ha subito nei secoli vari rimaneggiamenti. La facciata è del 1954. All’interno un bel fonte battesimale del XVI secolo.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy