Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

20 / 22

San Marcello Pistoiese

Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 7.698

Il territorio del comune di San Marcello Pistoiese, nell'alta Val di Lima, si estende per 84,75 kmq dal crinale dell'Appennino tosco-emiliano (Corno alle Scale) al pianoro della valle scavata dal torrente Limestre. Centro feudale, poi libero comune, quindi sede del capitano della montagna (in alternanza con Cutigliano), costituito in comunità con le riforme leopoldine, ha raggiunto l'attuale assetto nel 1979 con il distacco di una zona disabitata aggregata al comune di Cutigliano.

L'origine del centro maggiore, dimostrata dal ritrovamento di un sepolcreto di età imperiale, risale all'epoca romana. Concesso da Arrigo VI in feudo al conte Guido Guerra nel 1191 e ai Guidi confermato, con la definizione di corte fortificata, da due diplomi imperiali di Federico II nella prima metà del Duecento, divenne un libero comune di esplicite tendenze ghibelline, accogliendo dapprima i fuorusciti pistoiesi capeggiati da Arrigo Tedici (1293) e in seguito le milizie di Castruccio Castracani (1323). Fortemente coinvolto negli scontri durante il XIV secolo tra le fazioni pistoiesi dei Cancellieri e dei Panciatichi, divenne con l'affermazione di quest'ultimi sede del capitano della montagna, la nuova magistratura voluta da Pistoia nel 1368 (che alternativamente risiedeva per sei mesi all'anno anche a Cutigliano). Occupato in seguito dai Cancellieri con l'aiuto di truppe viscontee (1400), dopo la definitiva sottomissione di Pistoia e del suo contado (1401) entrò sotto l'egida di Firenze. Alla frazione di Gavinana è legato il ricordo del celebre episodio della morte di Francesco Ferrucci, commissario generale di guerra della repubblica fiorentina, ucciso nel 1530 da Maramaldo, condottiero delle milizie imperiali di Carlo V.

Da vedere:
S. Marcello, chiesa del XII secolo, ha l’interno rifatto nel XVIII secolo e conserva pregevoli opere d’arte.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy