Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

25 / 28

Scarlino

Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 2.782

Il comune di Scarlino si estende per 88,38 kmq in una zona di collina litoranea della Maremma nord-occidentale. Formava in epoca moderna, assieme a Buriano (attuale frazione di Castiglione della Pescaia) e al territorio di Follonica, una comunità del principato di Piombino. Nel 1833 il suo territorio fu aggregato alla comunità di Gavorrano. Dal 1960 forma nuovamente un comune autonomo.

La prima menzione storica della località figura in un documento del 973, con il quale il marchese Lamberto, figlio di Ildebrando degli Aldobrandeschi, alienava, tra le altre, la curtis di Scarlino. All'inizio del XII secolo altri documenti attestano che Scarlino era divenuto un importante castello, seppure con una posizione istituzionale complessa: ceduto in parte dalla contessa Matilde di Toscana a un nobile Ranieri, fu da questi donato nel 1108, per atto testamentario, al vescovo di Roselle. Nel 1162 gravitava già nell'orbita politica pisana, ma da un privilegio dell'imperatore Federico I si apprende che due anni più tardi, nel 1164, sul castello avevano acquisito diritti i conti Alberti di Mangona, e tra il 1209 e il 1231 il nome di Scarlino ricorre più volte nelle vicende di successione e di divisione patrimoniale di questa famiglia comitale. Nel 1233 fu acquistato, insieme ad altri castelli della zona, dagli Aldobrandeschi. Alla metà del secolo Scarlino venne coinvolto nei contrasti tra Guglielmo Aldobrandeschi e il comune di Siena, finché nel 1278 fu venduto dal figlio di Guglielmo, Ildebrandino detto il Rosso, a Pisa. Rimase sotto il dominio pisano (nonostante gli Aldobrandeschi del ramo di Santa Fiora continuassero a vantarvi diritti) fino alla costituzione della signoria piombinese degli Appiani. Del piccolo stato litoraneo seguì le sorti successive (istituzione del principato nel 1594, passaggio ai Ludovisi nel 1634, ai Buoncompagni nel 1706, e infine alla sorella di Napoleone, Elisa Baciocchi). Nel 1815, con il congresso di Vienna, venne incorporato nel granducato di Toscana. Il granduca Leopoldo II di Lorena intraprese, nel 1830, opere di bonifica per prosciugare il «padule» di Scarlino e già nel 1841 il Salvagnoli Marchetti, medico ispettore della provincia di Grosseto, poteva scrivere: «...diminuiscono i laghi di Scarlino e Piombino, i più grandi e più nocivi centri di infezione...». Durante la Resistenza operò nella zona la formazione partigiana del «gruppo Tirli», che il 10 giugno 1944 occupò l'abitato.

Da vedere:
Palazzo Comunale, di impianto duecentesco, è sovrastato dalla torre del seicento.
La Rocca, di cui rimangono imponenti resti insieme alle mura, anch’esse parzialmente conservate.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy