Terra di Toscana www.terraditoscana.com

Comuni della provincia

37 / 39

Subbiano

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 4.442

Il territorio comunale di Subbiano si estende per 78,24 kmq nel Valdarno aretino tra i rilievi dell'Alpe di Catenaia e la riva sinistra del fiume. Fu centro feudale e poi podesteria; divenne capoluogo di comunità autonoma con la riforma Leopoldina del 1776.

L'origine dell'insediamento umano è probabile che sia stata una torre a difesa di un ponte sull'Arno, costituendo il luogo un nodo stradale strategicamente importante sui confini del territorio appartenente all'esarcato bizantino. La prima notizia documentata di Subbiano risale comunque al 1015, e in quell'epoca risulta possesso del vescovo d'Arezzo; tale restò almeno fino al 1163, come risulta da un privilegio imperiale con il quale il vicario di Federico I ordina la restituzione della torre di Subbiano tolta con la violenza al preposto della cattedrale di Arezzo da un certo Ugo di Guittone. Entrato, almeno per metà, in possesso dei conti Guidi e a questi confermato da Arrigo VI (1191) e da Federico II (1220), passò successivamente sotto il dominio dei Tarlati di Pietramala fino a quando nel 1338 Pier Saccone Tarlati lo cedette alla repubblica fiorentina. In seguito alla cacciata del duca d'Atene (1343) Subbiano si sottrasse al governo di Firenze per poi sottoporvisi di nuovo, definitivamente, nel dicembre 1384. In età moderna fu sede di una podesteria minore, soppressa nel 1840.

Da vedere:
Palagio fiorentino, edificato al posto dell’antica residenza dei conti Guidi, distrutta nel 1440, ospita il Museo d’Arte Contemporanea, raccolta di pitture e sculture di famosi artisti contemporanei.
Porciano, minuscolo paese posto sopra l’abitato di Stia e dominato dai resti del famoso Castello, nel quale nel 1311 Dante, che vi era ospite, scrisse la lettera ai Fiorentini.
Madonna del Ponte, antica chiesa abbellita da una terracotta del 1531 della bottega dei Della Robbia.
S. Maria Assunta, eretta nel XII sec. su una chiesa preesistente e più volte rimaneggiata, ha come campanile una torre medievale.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici


Terraditoscana © Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489