Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

16 / 17

Villafranca in Lunigiana

Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 4.733

Il territorio comunale si estende per 29,49 kmq, nel punto più stretto della Val di Magra, alla confluenza del torrente Bagnone, lungo la via della Cisa. Divenne capo luogo di comunità nell'Ottocento e assunse la denominazione attuale nel 1863.

Il territorio di Villafranca in Lunigiana fu abitato fin da epoche preistoriche, come attestano le statue-stele rinvenute a Malgrate, nella selva di Filetto, e a Fornoli, ma le prime notizie storiche certe si situano successivamente all'anno Mille, quando era un dominio signorile dei Malaspina. Nel 1221, alla divisione dei possedimenti fra i vari rami della famiglia, Villafranca toccò a Corrado I, detto l'Antico, del ramo dello Spino Secco di Mulazzo, il cui figlio Federico I fondò il ramo di Villafranca e fu fatto prigioniero dai ghibellini senesi a Montaperti nel 1260. Fra i figli di Federico I vi fu anche il Corrado Malaspina citato da Dante nel Purgatorio; un altro membro di questo ramo dei Malaspina, Spinetta, fu podestà di Pisa nel 1393. Per la sua posizione strategica Villafranca fu oggetto di attacchi da parte degli Sforza nel 1487, di Giovanni dalle Bande Nere nel 1524 e degli spagnoli nel 1525. All'estinzione di questo ramo dei Malaspina, nella seconda metà del XVI secolo, passò con tutte le loro terre sotto il ducato modenese degli Estensi che, tranne il periodo della dominazione francese, ne rimasero signori fino all'unità d'Italia. Durante la seconda guerra mondiale Villafranca subì gravissimi bombardamenti. Il capoluogo è sede di un importante museo etnografico.

Da vedere:
Museo etnografico della Lunigiana, ha sede in un antico mulino, e raccoglie documenti e materiale della cultura tradizionale del territorio.
S. Francesco, chiesa del ‘500, conserva all’interno, preziose terrecotte robbiane.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy