Terra di Toscana www.terraditoscana.com

Alla Badia di Moscheta dal Passo del Giogo di Scarperia

Con gli sci tra gli eremi dell'Appennino

Bel percorso lungo il crinale appenninico che separa il Mugello dalla Romagna Toscana. Assai interessanti i boschi di faggio (alcuni esemplari giganteschi) e i panorami soprattutto verso il territorio romagnolo.

Il Passo del Giogo di Scarperia è facilmente riconoscibili da chi percorre la Statale n.503 per i grandi cartelli stradali che lo segnalano e per il ristorante/albergo che qui sorge. Proprio davanti all'albergo, dal lato opposto della Statale, è subito individuabile anche dopo forti nevicate la larga pista sterrata che corre inizialmente lungo il crinale fiancheggiata da un recinto in legno. Su questa sono visibili, in genere anche con la neve, i segnali bianco/rossi della GEA. Imboccata la pista,si prosegue senza alcun problema di orientamento prima su crinale, poi per aperti pendii prativi. Arrivati ad una sbarra la via entra nel bosco prevalentemente di faggio che ammanta tutto il crinale tra il Passo del Giogo e la Colla di Casaglia. Ritornato sul crinale lo stradello supera una baracca metallica per proseguire poi in leggera salita fino a sbucare sull'aperto pendio dei Prati Piani. La via da seguire, in genere, è visibile anche su questi grandi prati, almeno come traccia. A volte, soprattutto dopo le forti nevicate, tutto il pendio appare completamente liscio. In questo caso bisogna scendere obliquando costantemente verso destra e raggiungendo nuovamente l'alto recinto in legno (difficilmente i pali più alti sono completamente nascosti). A questo punto riappare evidente il tracciato della strada, che rientra subito nel bosco iniziando di lì a poco a salire decisamente. Superata la Fonte al Lupo, si continua ancora per qualche centinaio di metri fino a raggiungere l'alto cartello in legno che segnala a sinistra la via per la Badia di Moscheta. Se l'innevamento lo consente (per raggiungere la Badia, si perdono, infatti, circa 400 metri di quota) si piega a sinistra verso la Badia. Altrimenti per concludere la gita si può continuare sulla via principale che, mantenendosi sempre prossima ai 1000 metri, raggiunge la Colla di Casaglia. Dirigendosi verso la Badia, si percorre un'altro stradello forestale che scende senza presentare alcun problema di percorribilità (la via, infatti, è larga e con pendenze non molto elevate). Con questa si arriva sulla strada asfaltata per la Badia di Moscheta 100 metri prima della Badia stessa. Il ritorno al Passo del Giogo avviene per la via dell'andata.

Lunghezza 22 km (A/R)
Dislivello 640 m
Tempo 6 ore
Difficoltà   Facile
Cartografia esistente Multigraphic 1:25.000 n.25-28
Periodo consigliato gennaio/febbraio
Punti d'appoggio posto tappa della GEA all'interno della Badia di Moscheta, tel.055/8144015
Accesso il Passo del Giogo di Scarperia è raggiungibile da Firenze seguendo la Statale n.65 della Futa fino a S.Piero a Sieve e da qui la Statale n.503 del Giogo. Anche da Bologna bisogna prima seguire la Statale n.65 e poi la n.503 per Firenzuola e il Passo del Giogo


Next...

 

Testi e foto di Cinzia Pezzani & Sergio Grillo


Terraditoscana © Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489