Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Casentino

Il Casentino, territorio geograficamente collocato a nord-est della Toscana, al confine con la Romagna, ha limiti ben delineati da dorsali montuose, che gli danno l'aspetto di un anfiteatro, al centro del quale scorre, appena scaturito dal Monte Falterona, il fiume Arno.
Il Casentino, che fa parte della provincia di Arezzo, comprende il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, il quale vanta i boschi più estesi e meglio conservati d'Italia, ed il numero più alto di varietà faunistiche di tutto l'Appennino settentrionale.

La storia di questa regione risale agli etruschi, i quali intuirono l'importanza economica della zona per il transito attraverso la catena degli Appennini. Dopo l'epoca romana vi furono le invasioni barbariche, che ne segnarono un periodo di decadenza.
Il Medioevo fu il periodo di massimo splendore, in quanto il Casentino divenne terra di possesso, oltre che di transito. Tra le famiglie più potenti che dominarono la zona si ricordano i Conti Guidi, signori di gran parte del territorio; i Tarlati e gli Ubertini di Arezzo, che possedevano le terre sul versante Aretino, dove avevano costruito molti castelli, per la maggior parte distrutti dalle le battaglie tra Guelfi e Ghibellini.
Alla battaglia più importante, quella di Campaldino, che sancì la vittoria dei Guelfi, prese parte il poeta, allora molto giovane, Dante Alighieri.
Dopo la sconfitta dei Conti Guidi nella battaglia di Anghiari (1440), il Casentino divenne parte della Repubblica Fiorentina, poi passò alla Signoria de' Medici, infine fece parte dei territori del Granducato di Toscana.


L'eremo di Camaldoli

Per la sua posizione geograficamente marginale e la sua ricchezza naturalistica, insieme ad una infinita bellezza, il Casentino ha attratto religiosi che lo hanno elevato a luogo di preghiera e di meditazione, costruendo, in luoghi ameni e solitari: monasteri, eremi, santuari e pievi di grande suggestione. Tra i più importanti si ricordano: il santuario de La Verna, donato dal Conte Cattani a S. Francesco, il quale vi visse e vi ricevette le Stimmate nel 1224; questo luogo di una bellezza quasi soprannaturale, ricco di opere d'arte, sorge su di un monte protetto e vigilato dai frati, che ne hanno conservato fino ad oggi, intatto, il suo patrimonio naturalistico. La Verna è tutt’oggi meta di pellegrini e visitatori provenienti da tutto il mondo.
L'eremo di Camaldoli, fondato nel 1023 da San Romualdo, che rimase incantato dalla bellezza della foresta. Anche ai giorni nostri Camaldoli è un punto di riferimento religioso di importanza internazionale ed è visitato ogni anno da migliaia di pellegrini e visitatori.
La pieve di Romena, a Pratovecchio, è la più importante dell'Alto Casentino e la ricchezza di elementi sia artistici che architettonici ne fanno un esempio di eleganza e raffinatezza.

Il Casentino è anche ricco di castelli, tra i quali il più conosciuto e ben conservato è quello di Poppi, residenza dei Conti Guidi dal 1100 al 1400, le sue mura possenti sovrastano il paese e dominano il piano di Campaldino.
Il Castello di Porciano, anch'esso dei conti Guidi, è l'unico esemplare di Torre-palazzo che si erge su di un poggio insieme al suo borgo medievale, a dominare il paese di Stia. Da questo castello nel 1331 Dante scrisse la famosa lettera ai fiorentini. Recentemente è stato completamente restaurato ed ospita un piccolo museo di attrezzi della cultura contadina e reperti in ceramica.
Della maestosa fortezza di Chiusi della Verna, oggi rimangono soltanto le solide mura.
Il castello di Romena fu costruito nell'anno mille, ed era il più fortificato tra i castelli dei conti Guidi, con tre cinte di mura e quattordici torri. Dalla fortezza si dominava tutta la valle del Casentino. Oggi possiamo ammirare l'impianto del castello, ancora ben conservato con le torri principali ed il cassero. Questo castello fu citato da Dante nel XXX canto della Divina Commedia.

I centri più importanti del Casentino sono: Stia, posta ai piedi del Monte Falterona, alla confluenza dello Staggia nell' Arno; si sviluppò nel medioevo come mercatale del castello di Porciano che la domina dall'alto. Originale l'antica piazza centrale, in pendenza circondata da portici. Ad oggi Stia è un centro industriale rinomato per la particolare produzione di un tessuto di lana a colori vivaci detto "casentino", noto in tutto il mondo.
Bibbiena, è il centro economico più attivo del Casentino, dove hanno sede importanti industrie tessili ed elettromeccaniche; nonostante lo sviluppo urbanistico avuto negli ultimi due secoli, Bibbiena mantiene il suo nucleo storico originale.
Poppi, centro isolato, posto su di un colle a dominare la valle dell'Arno, è uno dei centri storici più importanti del Casentino. Di origini romane, ebbe un notevole sviluppo quando nel XII secolo i Conti Guidi lo elevarono a residenza feudale, costruendovi il castello che possiamo ammirare ancora oggi.
A pochi chilometri da Poppi si trova il piano di Campaldino, dove l'11 giugno del 1289 si svolse la famosa battaglia tra Firenze ed Arezzo, con la sconfitta di quest'ultima.
Il Casentino è conosciuto anche per l'aspetto gastronomico, sono famosi i tortelli alla Casentinese, ripieni di patate e conditi con un delizioso ragù; la scottiglia, piatto antichissimo e molto saporito, fatto con molte varietà di carne, cotte a lungo, con l'aggiunta via via di brodo, pomodoro e vino rosso; le lumache, cotte per due ore insieme ad un ricco ragù, infine la panina, originale pane insaporito da spezie ed uvetta.
Da non dimenticare i funghi porcini, che nascono nel sottobosco della foresta e che sono i migliori della Toscana.

Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit