Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

35 / 36

Torrita di Siena

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 7.071

Il territorio del comune di Torrita di Siena si estende per 58,36 kmq sui rilievi collinari del versante occidentale della Val di Chiana e sulla piana sottostante. Corte, poi centro feudale, quindi podesteria, divenne sede di comunità nel 1777.

Le prime notizie storiche risalgono al secolo XI: nel 1051 la corte di Torrita era compresa fra i possessi dell’abbazia di Sant’Antimo; all’inizio del XIII secolo la troviamo come castello dipendente dai conti della Scialenga, ma di fatto organizzata in comune sotto la giurisdizione di Siena. Contrastata da Montepulciano nel possesso dell’importante castello, Síena riuscì ad affermare il proprio dominio su Torrita inviandovi, nella seconda metà del Duecento, un podestà senese, dopo aver composto lo scontro, sorto nel frattempo, tra la consorteria dei Del Pecora e la potente famiglia Guardavalle, rappresentata dai due fratelli Tacco e Ghino. Per due volte, nel 1276 e nel 1279, Torrita si vide minacciata dalla ribellione di Tacco a Siena (proseguita poi dal di lui figlio Ghino divenuto celebre in seguito per le sue imprese di brigantaggio) e solo nel 1285 l’esercito senese guidato da Guido dei conti Guidi riuscì a catturarlo e a giustiziarlo. Nel 1322 Torrita venne occupata da Deo Tolomei; ma l’anno successivo i senesi riaffermarono in pieno il proprio dominio provvedendo a numerose opere di ricostruzione del castello, che ancora oggi appare circondato dalle mura. A metà del XVI secolo Torrita entrò a far parte dello Stato mediceo.

Da vedere:
Ss. Flora e Lucilla, eretta tra i secoli XIII e XIV; l’interno ad una navata conserva alcune opere d’arte.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy