Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

12 / 39

Castelnuovo di Val di Cecina

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 2.678

Il territorio del comune di Castelnuovo di Val di Cecina si estende per 88,78 kmq tra le alte Valli della Cornia e del Cecina, in due parti a sé stanti, separate dai comuni di Pomarance e Radicondoli. Antico centro signorile, ha raggiunto la sua estensione nel 1870 aggregando le frazioni di Sasso e Leccia, precedentemente incluse nel comune di Pomarance.

Sotto la giurisdizione dell'abbazia di San Pietro in Palazzuolo presso Monteverdi, come risulta da un documento del 1176, il castello passò poco dopo nelle mani del conte Rinaldo da Monterotondo, appartenente alla famiglia comitale degli Albero, detentrice di larghi possedimenti nel pisano e nel Volterrano. Per sfuggire alla sua signoria gli abitanti di Castelnuovo si appoggiarono ben presto alla potenza emergente di Volterra, cui si sottomisero nel 1212; e già verso la fine del XIII secolo il castello figura come una delle roccaforti militari del Volterrano.

Solo nel 1429, durante la sollevazione dei Volterrani contro le truppe d'occupazione fiorentine, Castelnuovo ruppe il suo secolare giuramento di fedeltà per entrare a far parte dello Stato di Firenze. Nel 1447, fu conquistata e saccheggiata da Alfonso d'Aragona re di Napoli, alla partenza del quale rimase per breve tempo sotto il dominio del senese Antonio Petrucci, finché non fu ripresa dai suoi abitanti con l'aiuto dei fiorentini. Nel 1639 il granduca Ferdinando II la concesse in feudo, con il titolo di marchesato, alla famiglia degli Albizzi, che la mantenne fino al 1776. Roccaforte del partito socialista, che ottenne la maggioranza dei voti fino alle elezioni del 1920, durante la Resistenza, grazie alla sua posizione geografica e alla conformazione del suo territorio, fu teatro delle azioni della XXIII Brigata Garibaldi. Nel 1944, a seguito di una battaglia ingaggiata con i tedeschi in ritirata, subì la perdita per rappresaglia di 82 ostaggi civili.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy