Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

14 / 39

Crespina

Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 3.241

Il territorio comunale si estende per 26,97 kmq in una regione collinare fra la Val d'Era e il solco vallivo di Collesalvetti. È comune autonomo dal 1902 con l'aggregazione delle frazioni di Crespina, Tripalle e Cenaia staccate da Fauglia.

Menzionata fin dal x secolo come castello posto sotto la giurisdizione della diocesi di Pisa, Crespina passò sotto quella lucchese nel 1115. Occupata dalle truppe della repubblica di Pisa nel 1165, fu restituita ai lucchesi dieci anni dopo, ma per breve tempo, dato che nel XIII secolo risulta inclusa nel capitanato pisano delle Colline Inferiori. Nel corso del XIV secolo, a opera delle truppe di Firenze in guerra con Pisa, subì ripetute devastazioni e distruzioni, la più importante delle quali fu l'abbattimento della rocca nel 1332. Nel 1405, dopo un lungo assedio, fu conquistata dai fiorentini, che anche in seguito dovettero mantenere il loro dominio con le armi, come dimostra il tentativo di ribellione, conclusosi con lo smantellamento del castello e della rocca, verificatosi nel 1431, durante la spedizione del Piccinino, comandante l'esercito del duca di Milano in guerra con Firenze. Dichiarata capoluogo di podesteria dipendente dal Vicariato di Lari dal 1415, venne posta sotto la giurisdizione del capitanato di Livorno nel 1680. Fu annessa nel 1776 al comune di Fauglia, rimanendo sotto la sua amministrazione fino all'inizio di questo secolo. Al pari di molti altri comuni della provincia di Pisa, Crespina è stata caratterizzata, fin dai primi anni del Novecento, da una forte presenza socialista e si è opposta all'avvento e alla penetrazione del fascismo.

Da vedere:
S. Michele, antica chiesa che custodisce al suo interno una pregevole tavola di Bernardo Daddi ed altre opere d’arte.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit