Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

27 / 39

Pomarance

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 7.120

Il territorio comunale si estende per 227,54 kmq in Val di Cecina, sulla sommità e sulle pendici di un contrafforte collinare, al centro di una zona di soffioni boraciferi. Comune di origine leopoldina, ha subito una diminuzione territoriale nel 1870, quando gli furono staccate le frazioni di Sasso e di Leccio, aggregate a Castelnuovo Val di Cecina.

Pomarance (già Ripomarance) ha origine come castello, il cui dominio fu conteso per vari secoli fra il vescovo e il comune di Volterra. Nonostante i privilegi accordati nel 1186 dal futuro imperatore Enrico VI all'autorità ecclesiastica, pare che il predominio sia stato mantenuto dal comune, come attestano successivi atti di sottomissione da parte degli abitanti del castello, anche se fino alla riforma degli statuti volterrani, il rettore, eletto fra cittadini di Volterra, continuò a ricevere l'investitura del vescovo. Occupata nel 1431 da Niccolò Piccinino, al soldo del duca di Milano, e saccheggiata nel 1447 dall'armata del re Alfonso d'Aragona, poi sconfitta dalle truppe inviate da Firenze, Pomarance passò sotto il governo diretto della repubblica fiorentina nel 1472, quando Volterra usci sconfitta dalla guerra con Firenze per il possesso delle miniere di allume. Nel 1513, con il ritorno dei Medici in Firenze, riacquisì la facoltà di eleggere i propri magistrati e alla caduta della repubblica fiorentina restò in potere dei duchi e poi dei granduchi di Toscana condividendo le sorti del granducato fino all'unità d'Italia.

Da vedere:
S. Giovanni Battista, chiesa romanica. L’interno a tre navate conserva affreschi dell’Aldemollo e altre pregevoli opere d’arte.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit