Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

29 / 39

Pontedera

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 26.393

Situato lungo la riva sinistra dell'Arno, all'altezza della confluenza con l'Era, il territorio comunale si estende per 46,03 kmq su terreno di pianura. Comune di origine leopoldina, ha subito due rettifiche di confini nel 1928 e nel 1929; nel 1931 si è poi esteso alla frazione di Treggiana, già compresa nel comune di Palaia.

Castello di fronte a un ponte sull'Era (da cui deriva il nome), non si trova citato prima del XIII secolo, quando risulta essere un insediamento di frontiera della repubblica di Pisa. Oggetto costante di contese e scontri fra fiorentini e pisani, per la sua posizione strategica, passò ripetutamente dal dominio degli uni a quello degli altri, subendo molte distruzioni, la prima delle quali nel 1256 in base a un trattato fra Firenze e Lucca da una parte, Pisa dall'altra. Nel 1406, insieme a Pisa e ai suoi domini, Pontedera fu assoggettata alla repubblica di Firenze, alla quale si ribellò nel 1431, ponendosi sotto la protezione del Piccinino, comandante dell'esercito del duca di Milano, al quale venne ripresa l'anno successivo.

Nel corso di un secolo di carestie, epidemie e guerre, saccheggi e distruzioni il territorio si era spopolato e impoverito, tanto che nel 1454 la signoria di Firenze decise di attirarvi nuovi abitanti attraverso provvedimenti di esenzione fiscale, poi rinnovati fino al 1534. Fedele al governo fiorentino anche durante la sollevazione di Pisa (il presidio da questa inviato nel 1494, in occasione della venuta di Carlo VIII, fu cacciato), subì nel 1554, durante la guerra di Siena, il definitivo abbattimento delle mura e delle fortificazioni per aver accolto lo Strozzi, avversario di casa Medici. Nel nostro secolo Pontedera ha visto il forte sviluppo del partito popolare e, amministrata dai socialisti nel 1920, ha sviluppato una decisa resistenza all'avvento del fascismo, organizzando nel 1921 uno sciopero generale contro le prime azioni squadriste nel fiorentino. Ritenuto obiettivo militare per la presenza degli stabilimenti Piaggio in cui si producevano quadrimotori da bombardamento e per la sua funzione di nodo stradale e ferroviario, il centro urbano è stato sottoposto a intensi bombardamenti nel 1940 e nel 1944, durante l'occupazione tedesca; a ciò si è aggiunta l'opera di distruzione compiuta dai nazisti in ritirata. Pontedera ha dato i natali allo scultore noto con il nome di Andrea Pisano (ca. 1295-1349), e a Giovanni Gronchi (1887-1978), presidente della repubblica dal 1955 al 1962.

Da vedere:
Duomo, dedicato a S. Faustino, presenta una facciata neoclassica del XIX secolo. Custodisce al suo interno diverse opere d’arte.
Ss. Jacopo e Filippo, chiesa di origine medievale, fu ampliata nel 1600. Conserva pregevoli opere d’arte.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit