Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

34 / 43

San Casciano in Val di Pesa

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 16.012

Il territorio del comune di San Casciano si estende per 107,98 kmq su quella serie di rilievi che dividono la Val di Pesa dalla Val di Greve. Antica podesteria medievale, divenne sede di comunità nel 1774, raggiungendo l'attuale assetto nel 1865, quando gli fu aggregata la frazione Romola, staccata dal soppresso comune di Casellina e Torri.

Sorto come posto di tappa sulla via Cassia in epoca romana, fin oltre la metà del XIII secolo San Casciano apparteneva in signoria ai vescovi di Firenze, che vi inviavano un vicario con il titolo di podestà e che nel 1241 fecero promulgare i primi statuti del castello. Passato direttamente sotto la giurisdizione del comune fiorentino nel 1272, il popoloso paese fu quartiere generale delle truppe di Arrigo VII nel 1312-13 e nel 1326 Castruccio Castracani lo mise a ferro e fuoco.

L'importanza strategica che San Casciano rivestiva convinse il signore fiorentino Gualtieri di Brienne a fortificarlo nel 1343, anzi a progettarne una rifondazione vera e propria (il nuovo munito castello avrebbe dovuto prendere il nome di Castel ducale in suo onore), ma la sua cacciata da Firenze fece interrompere ben presto l'impresa; solo nel 1355, dopo che l'anno precedente il capitano di ventura fra' Moriale lo aveva di nuovo occupato, e il riscatto di quelle terre era costato a Firenze 28.000 fiorini d'oro, fu cinto di mura imponenti e di un cassero come è dettagliatamente descritto da Matteo Villani, che ne riporta anche la cifra spesa, 35.000 fiorini. Nel 1552, Cosimo I fece rafforzare le mura in previsione della guerra per la conquista di Siena e dotò San Casciano di un acquedotto; conquistata Siena, l'importanza militare del castello era ormai declinata e nel XVII secolo il granduca Ferdinando II ne donò addirittura il cassero al suo cortigiano Francesco Lucardesi. Nei pressi di San Casciano, a Percussina, sorge l'«Albergaccio», proprietà rustica di Niccolò Machiavelli, dove nel 1513 il segretario della repubblica fiorentina caduto in disgrazia si ritirò e qui meditò e compose Il Principe.

Da vedere:
S. Cecilia a Decimo, già citata in una donazione di Carlo Magno, conserva opere d’arte di varie epoche.
Chiesa della Misericordia, eretta nel 1355 dai Domenicani di S.Maria Novella di Firenze. Museo della Misericordia, attiguo alla Chiesa, ospita una ricca raccolta di opere d’arte.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici
Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit