Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

33 / 39

Santa Croce sull'Arno

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 12.345

Il territorio comunale si estende per 16,92 kmq nel Valdarno di Sotto, lungo la sponda destra dell'Arno, e comprende anche una porzione staccata (Staffoli nelle Cerbaie). Ha subito una diminuzione territoriale nel 1910 con la separazione della frazione di Orentano, aggregata a Castelfranco di Sotto.

Di Santa Croce non si hanno notizie sicure antecedenti il XIII secolo, anche se in un documento del 1289 risulta già essere un importante insediamento munito di mura, poi in gran parte distrutte nell'alluvione del 1333. Da un documento del 1284, relativo alla vendita di alcuni pascoli e boschi, si rileva come fin da quella data fosse costituita in comunità autonoma posta sotto la giurisdizione politica del comune di Firenze, al quale tornò ad assoggettarsi dopo la temporanea presa di possesso di Guido Novello, vicario toscano del re Manfredi (1261-1267). A partire dal 1270 ebbe lunghe controversie con Fucecchio e Castelfranco di Sotto per lo sfruttamento dei boschi delle Cerbaie, che le furono assegnati molti anni più tardi dal podestà di Lucca chiamato come arbitro della questione.

Nel 1315 Santa Croce fu conquistata da Uguccione della Faggiola, signore di Pisa e poi di Lucca, mentre nel 1323 fu occupata dall'esercito lucchese che la mantenne fino al 1327. A questa data tornò a far parte del territorio della repubblica fiorentina, alla quale si sottomise spontaneamente. Da allora rimase sempre sotto Firenze, fino all'unità d'Italia. Durante la seconda guerra mondiale, quando la linea del fronte si attestò lungo le rive dell'Arno, subì gravi danni per i cannoneggiamenti e per le mine. Il 4 marzo 1944 la cittadina scese in sciopero contro l'occupazione nazifascista.

Da vedere:
S. Cristiana, chiesa settecentesca con volta affrescata. L’interno custodisce una preziosa pala del 1500.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy