Terra di Toscana www.terraditoscana.com

Comuni della provincia

30 / 39

Riparbella

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 1.318

Il territorio comunale si estende per 58,84 kmq nella bassa Val di Cecina, alle estreme propaggini delle Colline Pisane, in zona di media e bassa collina. In origine terra signorile, Riparbella fu creata comunità autonoma nel 1755; ha subito una diminuzione territoriale nel 1892, quando la frazione di Palazzi di Collemezzano è stata aggregata al comune di Cecina.

Situata in una zona paludosa e malsana formata dal fiume Cecina, Riparbella passò nel 1157, per successive donazioni di laici ed ecclesiastici, sotto la giurisdizione dell'arcivescovo di Pisa. Sorta una contesa con il comune di Volterra, che avanzava dei diritti sul castello, nel 1199 questo fu assegnato definitivamente al vescovato pisano, al quale fu riconfermato nel 1293 con la pace di Fucecchio. Nel 1406, pochi mesi prima della caduta di Pisa, Riparbella entrò nel dominio della repubblica di Firenze, alla quale fu sottratta per poco tempo dall'esercito napoletano di Alfonso d'Aragona nel 1447. Nel 1494, in occasione della discesa di Carlo VIII e su sollecitazione di Pisa, si ribellò al dominio fiorentino, mantenendosi autonoma fino al 1508, quando si sottomise di nuovo ai commissari inviati da Firenze. Nel 1635 fu eretta in marchesato dal granduca Ferdinando II e concessa in feudo al nobile veronese Andrea Carlotti: nel 1737 i suoi successori la vendettero al fiorentino Carlo Ginori, sotto cui rimase fino alle riforme leopoldine che la trasformarono in comunità autonoma.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici


Terraditoscana © Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489