Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Comuni della provincia

4 / 28

Capalbio

Web del Comune Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 4.014

Il comune di Capalbio si estende per 187,60 kmq in una zona di collina litoranea all'estremità meridionale della Maremma toscana. Originariamente incorporato al territorio di Manciano, dal 1843 passò a far parte della comunità di Orbetello. Si è costituito in comune autonomo nel 1960. Citato per la prima volta nel 1161 in un privilegio di papa Alessandro III a favore dell'abbazia romana di Sant'Anastasio alle Tre Fontane, Capalbio seguì, al pari di Orbetello, le vicende del patrimonio dell'ente religioso e, successivamente, di quella parte della contea aldobrandesca che fu soggetta, nel corso del XIII secolo, alle contrastanti influenze politiche di Siena e di Orvieto.

Agli inizi del Trecento il castello era sotto il dominio di una famiglia signorile locale (forse discendente da un Guido di Capalbio citato in un atto del 1203), che nel 1315 si alleò con gli orvietani contro gli Aldobrandeschi di Santa Fiora e i Baschi di Montemerano. Venuta meno l'autorità politica di Orvieto, Capalbio fu concessa dagli Aldobrandeschi di Santa Fiora alla repubblica di Siena tra il 1339 e il 1345, ma cadde in seguito sotto il dominio degli Orsini. Con la campagna militare del 1416 fu conquistata definitivamente dai senesi, cosicché la sua storia risulta legata alle sorti successive della repubblica. Durante la Resistenza si formò a Capalbio la cosiddetta «Banda Armata Maremma», che operò nella zona e liberò il comune il 13 giugno 1944.

Da vedere:
Il borgo murato, di epoca medievale, ancora integro.
Palazzo Collacchioni, del primo 1900, fu eretto sui resti della Rocca Aldobrandesca.
Oratorio della Provvidenza fuori le mura, chiesa rinascimentale preceduta da un portichetto, ha al suo interno un’interessante cappella affrescata.
S. Nicola, arcipretura del XII-XIII secolo, ha l’interno affrescato.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy