Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Museo degli Uffizi

Si deve ad Anna Ludovica, ultima discendente della famiglia Medici, che dispose nel suo testamento che niente del suo patrimonio fosse mai allontanato dalla città, se le opere d'arte accumulate dalla sua famiglia durante tre secoli di storia sono rimaste a Firenze, dando vita alla raccolta di tesori che fanno degli Uffizi il più antico museo d'Europa, uno dei musei più visitati al mondo. In Italia il secondo, dopo i Musei Vaticani.

Il Palazzo degli Uffizi, sede del museo, è posto sul lato sud di Palazzo Vecchio e si estende fino al Lungarno, creando una piazza allungata: il Piazzale degli Uffizi .
Questo Palazzo fu ordinato da Cosimo I al Vasari, suo architetto e Ministro della Cultura, nel 1560 circa, come sede degli uffici (Uffizi) che riunivano le 13 Magistrature, precedentemente dislocate in posti diversi. Fu posto come appendice di Palazzo Vecchio a conferma del potere centrale di Cosimo I.

Il figlio di Cosimo, Francesco I, nel 1518 decise di esporre nei locali degli Uffizi i tesori granducali, facendo appositamente costruire dal Buontalenti la Tribuna degli Uffizi. Da allora qui, grazie soprattutto alla sensibilità artistica dei Medici prima e dei Lorena poi, si sono accumulate sculture antiche, capolavori pittorici sia di scuola italiana che europea dal XIII al XVIII secolo, raccolte di stampe e disegni antichi, è impossibile elencare singolarmente ogni capolavoro esposto in questa sede.
Uno per tutti, tra le opere più visitate al mondo, il dipinto della Primavera del Botticelli (1445-1510), che incanta il pubblico per la sua perfetta armonia delle forme.

E' ancora incerta la data in cui fu dipinto, ma si presume essere intorno al 1485.
La Primavera, insieme alla Venere, fu commissionata al Botticelli da Lorenzo di Pierfrancesco dei Medici per la Villa di Castello, dove rimase fino a quando non venne esposta agli Uffizi, nel 1815.

Quest'opera è composta da nove figure, in un ambiente arboreo rigoglioso, raffigurante in alto al centro del quadro un putto alato che scocca una freccia, sotto di lui vi è una figura femminile che guarda a sinistra verso tre danzatrici , alla loro sinistra c'è un giovane che alza lo sguardo verso gli alberi. Alla destra del quadro invece vediamo una figura femminile adornata di fiori, con vicino un'altra figura femminile velata afferrata da un'ultima figura maschile alata. Questa una delle tantissime letture dell'enigmatico dipinto.

Gli Uffizi recentemente sono ad una svolta storica, in quanto con l'allestimento dei Grandi Uffizi stanno raddoppiando gli spazi espositivi, per aggiungere altre duemila opere alle duemila già esposte, utilizzando moderni criteri espositivi e servizi di comfort per rendere più agevole la visita di questo vastissimo museo. Verrà recuperato tutto lo spazio lasciato nel 1988 dall'Archivio di Stato. Entro il 2002 sarà realizzato il progetto dell'architetto giapponese Arata Isozaki per la nuova uscta posteriore.
Si prevede che entro il 2004 i visitatori ammessi agli Uffizi contemporaneamente, passeranno dagli attuali 650 a circa 2000 unità.

Il costo previsto per i lavori, approvato e finanziato dal Ministero per i Beni Culturali, sarà di 110 miliardi di lire. I lavori dovrebbero terminare nel 2004.

Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy