Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Radda in Chianti

Alberghi Agriturismi Ristoranti

Abitanti nel 1991: 1.633

Il territorio del comune di Radda in Chianti si estende per 80,56 kmq sulle colline dell’alta valle del fiume Pesa e dell’Arbia. Centro feudale, poi podesteria medievale fin dal XIII secolo, ha raggiunto l’assetto attuale con le riforme leopoldine nel 1774.

Radda viene ricordata per la prima volta con certezza in un diploma di Ottone III del 1003, quando la sua corte e il suo castello risultavano possedimenti della Badia fiorentina a cui erano stati donati dai marchesi di Toscana, e a questa venivano allora confermati dall’autorità imperiale, così come avvenne più volte nei decenni seguenti sia con atti dei successori di Ottone, sia con una serie di bolle pontificie.

Divenuta feudo dei conti Guidi nel 1220 per volontà di Federico II, verso la metà del XIII secolo (anche se la data precisa è sconosciuta), per la sua fondamentale importanza strategica vi affermò il proprio dominio il comune di Firenze, che già dal 1176 aveva giurisdizione su gran parte del Chianti meridionale prima appartenuto ai senesi. Firenze pose Radda a capo di uno dei tre terzieri in cui era divisa amministrativamente la Lega del Chianti e almeno a partire dal 1384 divenne capoluogo della Lega stessa, come risulta dai più antichi statuti conservatisi.

A metà del Trecento, su disposizione del governo fiorentino vennero potenziate le strutture murarie del castello e nuove fortificazioni si resero necessarie dopo l’invasione aragonese del 1478, durante la quale il castello di Radda era stato conquistato e devastato. Altri periodi di mobilitazione dovette vivere nella prima metà del Cinquecento, fino alla caduta della repubblica di Siena; da allora le sue vicende furono quelle di un attivo centro agricolo.

Da vedere:
S. Maria al Prato, convento francescano dell’XI secolo, fu ristrutturato nel 1600. Conserva preziose opere d’arte.

Parte storica riprodotta su autorizzazione della Regione Toscana - Dipartimento della Presidenza E Affari Legislativi e Giuridici
Fotografia di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy