Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Sport
Sport
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Trekking e MTB

 

 
 

Con gli sci tra gli eremi dell'Appennino

La scelta dei luoghi eremitici da raggiungere con gli sci da fondo deve essere ristretta a quelli che si trovano alle quote più elevate, così da garantire un sufficiente periodo di innevamento. Sono stati preferiti anche gli eremi naturalisticamente più interessanti. Con questo si vuol dire che è stato possibile conciliare, in un connubio perfettamente riuscito, architettura, storia e religione con natura e ambiente.
Degli eremi toccati quello della Casella in inverno è raggiungibile solo con gli sci tramite due percorsi di diversa difficoltà che si snodano lungo i crinali dell'Alpe di Catenaia. Spesso, durante le grandi nevicate, rimane isolato anche l'Eremo di Camaldoli che è comunque raggiungibile sci ai piedi tramite due percorsi naturalisticamente grandiosi all'interno del Parco Nazionale.
Storicamente ed architettonicamente suggestivo l'itinerario per La Verna, che non trascura, comunque, l'interesse ambientale della foresta monumentale che circonda l'Eremo sviluppandosi sui fianchi del Monte Penna. Per quanto riguarda invece l'Abbazia di Vallombrosa due sono le vie di accesso più interessanti: la prima attraverso la Foresta Demaniale, la seconda lungo i panoramici crinali del Pratomagno. Sui più solitari e boscosi versanti del Monte Fumaiolo si snoda invece il percorso per l'Eremo di S.Alberigo e per il complesso monastico di Celle, entrambi raggiungibili, in inverno, solo con gli sci. Per ultima non poteva essere dimenticata la Romagna Toscana, e cioè quel lembo di Toscana che si protende amministrativamente al di là dell'Appennino, la terra forse più "adatta" per la vita monastica. Purtroppo le quote modeste di questo tratto di Appennino hanno consentito due soli itinerari. Sul primo, quello che raggiunge la Badia di Moscheta, l'innevamento è sufficientemente duraturo svolgendosi il percorso sul crinale tra il Passo del Giogo e la Colla di Casaglia. Il secondo, quello che prevede il raggiungimento dell'Eremo dei Romiti, deve essere effettuato nel periodo più freddo dell'inverno. Questo sia per le quote non elevate sia, e soprattutto, per il continuo attraversamento del Torrente Acqua Cheta (noto perché origina le famose, omonime cascate) che, sebbene in inverno non abbia molta acqua, è bene trovarlo ghiacciato.

Next...

 

Testi e foto di Cinzia Pezzani & Sergio Grillo

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit