Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Cucina
Cucina
Visita il Mugello, culla dei medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Prodotti tipici

Prodotti dell'apicoltura
Bevande, distillati e liquori
Carni
Carni secche
Insaccati
Preparazioni a base di Frattaglie
Formaggi
Olii
Pesci, molluschi e crostacei
Pasta fresca
Pane e prodotti da forno
Dolci e pasticceria
Biscotti
Frutta
Ortaggi e tuberi
Legumi
Grano, mais e castagne

 

 
 

Basilico gigante

Basilico a foglia di lattuga

Pianta con foglie lucide, di colore verde smeraldo chiaro, larghe a forma di lattuga. Ha odore intenso.

Si adatta a vari tipi di terreno. Si semina in cassetta a fine febbraio e dopo circa 20 giorni si ripicchetta per essere trapiantato a dimora a fine aprile, ad una distanza di 40x60cm. Richiede abbondante irrigazione. A differenza del basilico di tipo genovese, la concimazione organica deve essere ricca di azoto per favorire una maggiore espansione fogliare, che in caso contrario avviene solo nei primi palchi. Per avere buone piante conviene iniziare la raccolta quando si sono ben formati i primi 3-4 palchi, in questo modo la pianta ributta e si formano branche secondarie. In campo può restare fino ai primi geli. La produttività è elevata.

Questa varietà di basilico è interessante per le caratteristiche organolettiche, in particolare per l’aroma intenso, con sfumature che ricordano la menta. Viene usato tradizionalmente per piatti locali. La foglia viene usata nella panzanella, dopo averla spezzettata e non tritata come si fa con il genovese.Questa varietà viene anche utilizzata in salse come il pesto e per altri usi.Per la raccolta del seme vengono lasciate le piante più belle e con foglia più larga e meglio conformata. La produzione e quindi la maturazione del seme non avvengono contemporaneamente, pertanto la raccolta inizia dai primi palchi.Di solito viene preferito questo seme anche per mantenere la caratteristica della foglia più grande che viene prodotta nei primi palchi.Dopo la raccolta, il seme viene lasciato asciugare in ambiente aerato e conservato in contenitori di vetro.

In provincia di Firenze sono svariate le aziende agricole che producono questo basilico con finalità commerciali, senza contare la produzione a livello hobbistico. Si può stimare annualmente la vendita di circa 5000-6000 piantine. Buona parte di questo quantitativo viene commercializzata in zona, presso i mercati ortofrutticoli.Nella provincia di Arezzo (Pratomagno, Valdarno e Ca­sentino) ci sono circa 30 aziende, in gran parte hobbisti, che ne producono una quindicina di quintali all’anno.

Territorio interessato alla produzione Valdarno aretino e fiorentino, province di Arezzo e Firenze.
Produzione in atto Attiva.
Testi ed immagini di proprietà di Arsia e della Regione Toscana riprodotti su autorizzazione.

Fotografia di Derno Ricci
 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Copyright - Disclaimer | Press Kit